Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Polizia Postale denuncia un moldavo residente nel padovano

FRODE INFORMATICA: COLPO DA 20 MILA EURO SVENTATO

Vittima un imprenditore trevigiano: la truffa via mail



TREVISO
- Una frode informatica rischiava di costare 20 mila euro a un imprenditore trevigiano specializzato nella realizzazione di manichini, ma il tentativo di truffa è stato sventato dagli agenti della Polizia Postale. Stando alle indagini un cittadino moldavo, residente nel padovano e intestatario di una ditta che si occupa di edilizia, sarebbe riuscito a intercettare il carteggio informatico tra l’azienda e una ditta serba che doveva onorare la fattura relativa a una fornitura di merce. Inviando al debitore una mail fasulla, apparentemente riconducibile alla ditta trevigiana, il moldavo avrebbe così fornito il numero di un conto corrente diverso da quello in cui dovevano essere versati i 20 mila euro. Gli investigatori, nel corso delle indagini, sono riusciti a bloccare il pagamento del bonifico e rintracciare il moldavo, denunciandolo a piede libero per frode informatica, proprio grazie al conto corrente che aveva suggerito.