Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Mogliano, dramma nella notte, indaga la polizia ferroviaria

DELUSIONE D'AMORE, 19ENNE SI LANCIA SOTTO UN TRENO

"Ho paura": l'ultimo messaggio all'amico, poi il suicidio


MOGLIANO - Dramma nella serata di domenica a Mogliano, lungo la linea ferroviaria, nei pressi dell'ex stabilimento “Nigi”. Un ragazzo di appena 19 anni, di Povegliano, Leonardo Marconato, si è tolto la vita gettandosi sui binari al passaggio del treno regionale Udine-Venezia. Alla base della tragedia ci sarebbe una delusione d'amore risalente alla scorsa estate ed uno stato di forte depressione dovuto al fatto che il giovane non riusciva a trovare un lavoro. Sull'episodio indaga ora la polizia ferroviaria di Treviso che ha svolto sul posto gli accertamenti del caso. La circolazione ferroviaria lungo la tratta Venezia-Treviso è stata rallentata alcune ore per consentire i rilievi di legge degli investigatori e la rimozione della salma.
La tragedia è avvenuta alle 21.38: a dare l'allarme è stato un agente della polfer di Treviso che si trovava a bordo del treno e stava raggiungendo Venezia per prendere servizio per il carnevale. Un tonfo, sordo, ha indotto il macchinista a fermare il convoglio: il corpo senza vita del ragazzo è stato rinvenuto 500 metri prima.
Il 19enne, stando a quanto accertato dagli investigatori, aveva lasciato la sua auto nei pressi di un allargamento della strada, a pochi passi della rotatoria dell'ex Nigi: da qui ha percorso, nell'oscurità e sotto la pioggia, una strada di servizio che conduce ai binari. Prima di farla finita il giovane, ex studente di informatica dell'Itis, aveva preannunciato il suo gesto ad un amico con cui aveva passato il pomeriggio. “Se non ricevi notizie di me entro le 22.30 gira questo messaggio ai genitori e alle forze dell'ordine”: questo il testo del messaggio inviato dal 19enne che era uscito di casa e salutato mamma e papà alle 19.30, dicendo loro che sarebbe rientrato a casa verso la mezzanotte.
Il giovane aveva raccontato all'amico che avrebbe voluto fuggire di casa e partire; aveva pure chiesto informazioni sugli orari dei treni in partenza dalla stazione di Preganziol. Prima di gettarsi sui binari aveva scritto un ultimo messaggio: “Ho paura”. Poi la fine.