Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Procura non ha trovato riscontri per perseguire i malviventi

AGGUATO A PETRA DE ZANET: CHIESTA L'ARCHIVIAZIONE

La rapina nel bar del Sant'Artemio risale al luglio scorso



TREVISO
– La Procura ha chiesto l'archiviazione della rapina messa a segno ai danni del consigliere comunale Petra De Zanet. Quello che sembrava essere stato un agguato in piena regola, ben studiato e pianificato da due presunti malviventi, non ha trovato alcun riscontro al termine delle indagini degli inquirenti. Dopo aver scandagliato le immagini di videosorveglianza installate al Sant'Artemio e aver analizzato lo straccio che sarebbe stato utilizzato per stordire la barista (risultato comunque imbevuto di una sostanza narcotizzante simile all'etere), gli investigatori non hanno trovato altro. La squadra mobile di Treviso, incaricata di svolgere gli accertamenti del caso, ha analizzato ogni traccia possibile ma, a distanza di sei mesi dai fatti, non ci sono prove per riuscire a incastrare i due uomini i quali, fingendosi dei runner che stavano facendo jogging di prima mattina nel parco della sede della Provincia, avevano aggredito Petra De Zanet. Stando a quanto denunciato dalla vittima, i due le avrebbero intimato di consegnare le chiavi della cassaforte del bar. Di fronte al suo rifiuto, l'avrebbero narcotizzata e poi, rubandole le chiavi dalla borsa, sarebbero fuggiti con circa 2 mila euro presenti nella cassaforte e il denaro presente nel portafogli della vittima. A lanciare l'allarme era stata un'addetta alle pulizie che aveva trovato il consigliere comunale steso a terra privo di sensi.