Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Procura non ha trovato riscontri per perseguire i malviventi

AGGUATO A PETRA DE ZANET: CHIESTA L'ARCHIVIAZIONE

La rapina nel bar del Sant'Artemio risale al luglio scorso



TREVISO
– La Procura ha chiesto l'archiviazione della rapina messa a segno ai danni del consigliere comunale Petra De Zanet. Quello che sembrava essere stato un agguato in piena regola, ben studiato e pianificato da due presunti malviventi, non ha trovato alcun riscontro al termine delle indagini degli inquirenti. Dopo aver scandagliato le immagini di videosorveglianza installate al Sant'Artemio e aver analizzato lo straccio che sarebbe stato utilizzato per stordire la barista (risultato comunque imbevuto di una sostanza narcotizzante simile all'etere), gli investigatori non hanno trovato altro. La squadra mobile di Treviso, incaricata di svolgere gli accertamenti del caso, ha analizzato ogni traccia possibile ma, a distanza di sei mesi dai fatti, non ci sono prove per riuscire a incastrare i due uomini i quali, fingendosi dei runner che stavano facendo jogging di prima mattina nel parco della sede della Provincia, avevano aggredito Petra De Zanet. Stando a quanto denunciato dalla vittima, i due le avrebbero intimato di consegnare le chiavi della cassaforte del bar. Di fronte al suo rifiuto, l'avrebbero narcotizzata e poi, rubandole le chiavi dalla borsa, sarebbero fuggiti con circa 2 mila euro presenti nella cassaforte e il denaro presente nel portafogli della vittima. A lanciare l'allarme era stata un'addetta alle pulizie che aveva trovato il consigliere comunale steso a terra privo di sensi.