Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Procura non ha trovato riscontri per perseguire i malviventi

AGGUATO A PETRA DE ZANET: CHIESTA L'ARCHIVIAZIONE

La rapina nel bar del Sant'Artemio risale al luglio scorso



TREVISO
– La Procura ha chiesto l'archiviazione della rapina messa a segno ai danni del consigliere comunale Petra De Zanet. Quello che sembrava essere stato un agguato in piena regola, ben studiato e pianificato da due presunti malviventi, non ha trovato alcun riscontro al termine delle indagini degli inquirenti. Dopo aver scandagliato le immagini di videosorveglianza installate al Sant'Artemio e aver analizzato lo straccio che sarebbe stato utilizzato per stordire la barista (risultato comunque imbevuto di una sostanza narcotizzante simile all'etere), gli investigatori non hanno trovato altro. La squadra mobile di Treviso, incaricata di svolgere gli accertamenti del caso, ha analizzato ogni traccia possibile ma, a distanza di sei mesi dai fatti, non ci sono prove per riuscire a incastrare i due uomini i quali, fingendosi dei runner che stavano facendo jogging di prima mattina nel parco della sede della Provincia, avevano aggredito Petra De Zanet. Stando a quanto denunciato dalla vittima, i due le avrebbero intimato di consegnare le chiavi della cassaforte del bar. Di fronte al suo rifiuto, l'avrebbero narcotizzata e poi, rubandole le chiavi dalla borsa, sarebbero fuggiti con circa 2 mila euro presenti nella cassaforte e il denaro presente nel portafogli della vittima. A lanciare l'allarme era stata un'addetta alle pulizie che aveva trovato il consigliere comunale steso a terra privo di sensi.