Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La vittima, per gelosia, era stata minacciata e sequestrata

S'INNAMORA DELL'AGUZZINO E LO FA ASSOLVERE IN AULA

Alla sbarra un 34enne residente a Crocetta del Montello



CROCETTA DEL MONTELLO
- Denuncia l'uomo con cui aveva appena intrapreso una relazione perchè, folle di gelosia, l'avrebbe minacciata con una pistola, caricata in auto e segregata in casa per mezza giornata. Ma lei, nonostante tutto, si era innamorata di quell'aguzzino tanto da portarlo all'altare e dargli un figlio. La denuncia però è rimasta in piedi e il 34enne, originario di Pederobba ma residente a Crocetta del Montello, è finito a processo per rispondere di una lunga serie di accuse: sequestro di persona, violenza privata, minacce, ingiurie e lesioni.

Difeso dall'avvocato Stefano Zoccarato, rischiava una condanna fino a dieci anni di reclusione se tutti i capi d'imputazione fossero stati confermati. Ma il giudice ha pronunciato una sentenza di piena assoluzione perchè il fatto non sussiste. A salvarlo è stata proprio la vittima, ora sua moglie e madre di suo figlio, che si è rifiutata di rendere la propria testimonianza a dibattimento e di fatto non rendendo possibile la formazione della prova in aula. Motivo per cui il giudice, a fronte della richiesta della difesa di non far acquisire alla corte il fascicolo d'indagine in cui era stata formalizzata la denuncia, non ha potuto far altro che assolvere l'imputato.

Stando a quanto sostenuto dagli inquirenti, l'uomo avrebbe posto in essere le condotte contestate il 5 novembre 2012. accecato dalla gelosia, avrebbe caricato in auto la donna e l'avrebbe chiusa in casa per mezza giornata, minacciandola con una pistola. Anche un'amica della vittima, intervenuta per difenderla, sarebbe stata presa a schiaffi, minacciata e insultata pesantemente. Anche lei, dopo aver saputo che tra i due era sbocciato l'amore, ha deciso di ritirare la querela.