Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

2015 chiuso a 42 milioni di euro, 65 nuove assunzione

IRINOX: "UN ABBATTITORE IN OGNI CUCINA"

L'azienda di Corbanese cresce puntando sul "domestico"


TARZO - Irinox  punta sugli abbattitori domestici per continuare la sua crescita. L'azienda fondata nel 1989 a Corbanese di Tarzo da Florindo Da Ros, Luigino Granziera e Claudio Tonon, è leader in queste apparecchiature per "abbattere" rapidamente la temperatura degli alimenti, conservandone inalterati caratteristiche nutritive, gusto, colore, persino profumo. Inventato in Francia, l'abbattitore è stato perfezionato proprio dall'impresa trevigiana. Ed è divenuto immancabile nelle cucine di ristoranti, pasticcerie, ditte di catering e ristorazione collettiva: i prodotti Irinox, ad esempio, sono all'Osteria Francescana dell'iperstellato chef Massimo Bottura o negli studi delle celebri trasmissioni MasterChef e Bake Off.
Oltre al professionale, oggi, però, l'azienda scommette sul segmento "domestico": modelli da incasso o singoli (quest'ultimo, il "Fresco" è un brevetto). Per ora siamo a poche migliaia di pezzi venduti, ma il mercato potenziale è molto ampio spiega Katia Da Ros, amministratrice delegata e vicepresidente dell'impresa. "Vorremmo inserire un abbattitore in ogni cucina. E' un sogno che va oltre i numeri: fare qualcosa che possa contribuire a mangiare bene e sano".
L’esercizio 2015 di Irinox Spa si è, infatti, chiuso con ricavi consolidati pari a 42 milioni di euro, registrando un progresso del 10,5% rispetto al 2014. Le previsioni per il 2016 confermano il trend di crescita organica: si stima un aumento a doppia cifra per il quarto anno consecutivo, con i ricavi che dovrebbero raggiungere i 47 milioni di euro a fine esercizio. Con una produzione 100% made in Italy (anzi, made in Treviso), l'aziend adi Corbanese vende in 80 paesi, realizzando oltre metà fatturato all'estero, con picchi del 70% nei prodotti professionali. A trainare le performance mercati come Usa, Giappone e Germania.
Articolata in tre divisioni - Professional, Home (che oltre agli abbattitori comprende anche apparecchi per sottovuoto, erogatori d'acqua, cantine per vino) e Quadri elettrici, l'azienda conta due stabilimenti, a Corbanese e Scomigo. Vi lavorano 230 persone, 65 assunte nell'ultimo anno, con una previsione di altri trenta ingressi entro fine 2016. In dodici mesi Irinox ha investito l’azienda ha investito 4,7 milioni di euro, pari al 12% del fatturato, per l'ampliamento e il rinnovo degli spazi e per il potenziamento delle linee produttive e dei software.