Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/165: TWENTY DOUBLE CUP, LA RYDER VENETA

Tra sport e goliardia, i "Rossi" si aggiudicano la seconda edizione della gara


VENEZIA - Una competizione speciale, festosa, trascinante! Due gruppi di amici, abituati a sfottersi goliardicamente quando giocano a Golf, dopo una partita a Jesolo lo scorso anno, hanno avuto l’idea di provar a cimentarsi in gara a squadre, al fine che le rispettive derisioni trovassero...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/164: THE MASTERS , SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE DEI "MAESTRI"

Nel prestigioso major di Augusta, primo trionfo dello spagnolo


AUGUSTA (USA) - Siamo al primo dei quattro tornei stagionali di maggior spicco nella stagione golfistica maschile: i 4 Majors. Il Masters è torneo dal fascino antico, il più rilevante; dal 6 al 9 aprile se ne gioca l’edizione 81, sulle consuete 72 buche. È infatti l'unico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/163: IL CHALLENGE AIGG DIAVOLINA 2017 PRENDE IL VIA DAL MARCO SIMONE

L'ospitalitÓ di Laura Biagiotti e della figlia Lavinia per l'esordio del circuito dei giornalisti golfisti


ROMA - Come ogni anno, ha tappe importanti il challenge AIGG Diavolina. Questa laziale ne è il debutto, nella consueta due giorni romana, sicuramente considerevole. Oggi siamo al “Marco Simone” a Roma, proseguirà domani al “Terre dei Consoli” nel viterbese, per successivamente far tappa al “Bologna” e a “Le Fonti” in Emilia Romagna, a “Punta Ala” e “Terme di Saturnia” in Toscana, a “Cà della Nave” e “Montecchia” in Veneto, al “Colline del Gavi” e “Villa Carolina” in Piemonte, e a “Bergamo” e “Villa d’Este” in Lombardia. Oltre a questo giro d’Italia, c’è l’Alpen Cup in tre tappe nei GC di Asiago,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tarzo, il fatturato aggregato 2015 supera un miliardo di euro

CONFCOOPERATIVE, VIA ALLA FUSIONE TREVISO E BELLUNO

Eletto presidente Valerio Cescon, cooperatore vitivinicolo


TARZO - Le due maggiori associazioni di rappresentanza delle imprese cooperative dei rispettivi territori provinciali, Confcooperative Belluno e Confcooperative Treviso, si sono fuse stamattina, dando vita alla nuova Unione
interprovinciale di Belluno e Treviso. La scelta è avvenuta all'unanimità, votata dalle assemblee straordinarie delle due precedenti organizzazioni provinciali, riunitesi per l'occasione presso l'auditorium di Banca Prealpi a Tarzo (Treviso). Erano presenti circa 120 cooperatori provenienti dalle due province.
Nasce una grande realtà territoriale che riunisce imprese cooperative operanti in vari settori produttivi (agroalimentare, sociale, dei servizi, sanità, consumo, credito, turismo), con un fatturato aggregato 2015 che supera 1 miliardo di euro. Confcooperative Treviso a fine 2015 rappresentava infatti 158 cooperative, 30mila soci ed un fatturato aggregato di quasi 900 milioni di euro (senza contare le Banche di credito cooperativo), impiegando quasi 7mila persone, di cui 5mila sono soci-lavoratori. Confcooperative Belluno contava invece su oltre 90 cooperative associate, un fatturato aggregato di 156 milioni di euro, 1.200 addetti ed oltre 9mila soci.
Dopo la fase straordinaria, la nuova assemblea interprovinciale di Confcooperative Belluno e Treviso ha provveduto stamattina alla nomina del nuovo consiglio interprovinciale, formato da 23 membri (di cui 7 consiglieri bellunesi e 16 trevigiani). Sono risultati eletti: Claudio Agnoli, Federico Bristot, Claudia De Min, Nicola De Min, Augusto Guerriero, Paolo Montagner e Marco Slongo come rappresentanza di Belluno; Eugenio Anzanello, Monica Bidoggia, Lorenzo Brugnera, Marcello Criveller, Pierclaudio De Martin, Carlo Feletto, Guido Garau, Giancarlo Guidolin, Maria Adele Lisi, Tiziano Mazzer, Fabio Panizzon, Gianpietro Tittonel, Germano Tonetto, Amedeo Tonon, Claudio Venturin, Stefano Zanette, in rappresentanza delle cooperative trevigiane.
Come presidente della nuova Confcooperative Belluno e Treviso è stato eletto Valerio Cescon, cooperatore vitivinicolo, già presidente di Confcooperative Treviso. La vicepresidenza, come da nuovo statuto interprovinciale, spetterà di diritto ad un bellunese.