Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni promuove un incontro tra i soci in un Campo da Golf, con l’intento di far chiarezza su qualcosa di particolare emerso nella stagione. Puntualizzare,e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/144: A DUBAI IL DP WORLD TOUR CHAMPIONSHIP

Vince l'inglese Fitspatrick, ad Henrik Stenson la Race to Dubai


DUBAI - Avevamo lasciato i nostri azzurri sull’European Tour al termine del Turkish Airlines Open, con la speranza che Manassero e Paratore conquistassero in Sud Africa la carta per giocare a Dubai. Paratore ce l’ha fatta, e son contento. Manassero no, e mi dispiace. Restano quindi a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

L'autore presenterà il volume venerdì 4 marzo a Maserada

IL LIBRO: PIAVE, L'ULTIMO FRONTE DELLA GRANDE GUERRA

L'intervista allo storico Daniele Ceschin


Lo storico Daniele Ceschin presenta il libro “Piave, l'ultimo fronte della Grande Guerra. Storie del fiume da Spresiano a Fossalta di Piave”. La ricerca, nata da un'idea dell'associazione Sassi del Piave, raccoglie numerose “fonti soggettive”, estratti di diari, memorie, lettere scritti dai soldati, dai civili o dagli intellettuali, nell'ultimo anno di guerra, quando, dopo la disfatta di Caporetto, il fronte aveva ripiegato lungo il Piave. Sono scene narrate in prima persona che, nel corso dei cinque capitoli (Scappare, Resistere, Combattere, Ricostruire, Ricordare), esprimono il dipanarsi degli eventi. Dall'esodo dei profughi - Ceschin disegna una “geografia del profugato” - alla convivenza con i soldati, dai metodi ai luoghi di combattimento, dalle macerie "fisiche e sociali" alla ricostruzione (a fine guerra Treviso fu sede del ministero dedicato, spiega Ceschin), e infine alla memoria di quanto stato.

Daniele Ceschin presenterà il libro venerdì 4 marzo, ore 20.45, presso l'auditorium parrocchiale Don Enrico Vidotto di Maserada. Introdurrà Eros Tonini, presidente dell'associazione “I sassi del Piave”.