Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND È IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE È IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/17: GARDAGOLF COUNTRY CLUB

Sulle colline attorno al lago si disputerà l'Open d'Italia


SOIANO DEL LAGO - È recente la notizia che l’Open d’Italia 2018 è stato assegnato a Gardagolf; andiamo ora a vedere dal vicino questo Club, la cui scelta è stata apprezzata dal gotha dirigenziale dell’European Tour.Di progetto squisitamente inglese (Cotton,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

L'autore presenterà il volume venerdì 4 marzo a Maserada

IL LIBRO: PIAVE, L'ULTIMO FRONTE DELLA GRANDE GUERRA

L'intervista allo storico Daniele Ceschin


Lo storico Daniele Ceschin presenta il libro “Piave, l'ultimo fronte della Grande Guerra. Storie del fiume da Spresiano a Fossalta di Piave”. La ricerca, nata da un'idea dell'associazione Sassi del Piave, raccoglie numerose “fonti soggettive”, estratti di diari, memorie, lettere scritti dai soldati, dai civili o dagli intellettuali, nell'ultimo anno di guerra, quando, dopo la disfatta di Caporetto, il fronte aveva ripiegato lungo il Piave. Sono scene narrate in prima persona che, nel corso dei cinque capitoli (Scappare, Resistere, Combattere, Ricostruire, Ricordare), esprimono il dipanarsi degli eventi. Dall'esodo dei profughi - Ceschin disegna una “geografia del profugato” - alla convivenza con i soldati, dai metodi ai luoghi di combattimento, dalle macerie "fisiche e sociali" alla ricostruzione (a fine guerra Treviso fu sede del ministero dedicato, spiega Ceschin), e infine alla memoria di quanto stato.

Daniele Ceschin presenterà il libro venerdì 4 marzo, ore 20.45, presso l'auditorium parrocchiale Don Enrico Vidotto di Maserada. Introdurrà Eros Tonini, presidente dell'associazione “I sassi del Piave”.