Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: È GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condannati, con pena sospesa, Antonio e Loretta Velo

EVASIONE FISCALE VELO SPA: 20 MESI A PADRE E FIGLIA

Assolto per non aver commesso il fatto Marco Moretti



ALTIVOLE
– Un anno e otto mesi di reclusione ciascuno, con sospensione condizionale della pena, per Antonio e Loretta Velo. Assoluzione per non aver commesso il fatto per Marco Moretti. Questa la sentenza per l'evasione fiscale alla Velo Spa: padre e figlia erano imputati in quanto ex vertici dell'azienda di Altivole mentre Moretti in qualità di coamministratore di fatto della “Tmd Gmbh”, la società tedesca sui cui conti sarebbe stato fatto transitare il denaro che dalle cartiere tornava alla Velo Spa. Il giudice ha anche disposto la confisca dei beni in sequestro ai Velo fino a un ammontare di 851 mila euro. Erano accusati di dichiarato un imponibile fittizio di 4,2 milioni di euro e non aver quindi versato l'Iva per 850 mila.