Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condannati, con pena sospesa, Antonio e Loretta Velo

EVASIONE FISCALE VELO SPA: 20 MESI A PADRE E FIGLIA

Assolto per non aver commesso il fatto Marco Moretti



ALTIVOLE
– Un anno e otto mesi di reclusione ciascuno, con sospensione condizionale della pena, per Antonio e Loretta Velo. Assoluzione per non aver commesso il fatto per Marco Moretti. Questa la sentenza per l'evasione fiscale alla Velo Spa: padre e figlia erano imputati in quanto ex vertici dell'azienda di Altivole mentre Moretti in qualità di coamministratore di fatto della “Tmd Gmbh”, la società tedesca sui cui conti sarebbe stato fatto transitare il denaro che dalle cartiere tornava alla Velo Spa. Il giudice ha anche disposto la confisca dei beni in sequestro ai Velo fino a un ammontare di 851 mila euro. Erano accusati di dichiarato un imponibile fittizio di 4,2 milioni di euro e non aver quindi versato l'Iva per 850 mila.