Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In aula una coppia di Vascon di Carbonera per truffa

PARROCO RAGGIRATO: I DUE GIOSTRAI VOGLIONO RISARCIRE

Vittima l'ex prete di Ponzano, don Angelo Trevisan



PONZANO
– Dopo essere riusciti a spillargli oltre 200 mila euro, ora chiedono al giudice di poter risarcire la vittima. E' la mossa processuale avanzata da una coppia di giostrai di Vascon di Carbonera (35 anni lui, 28 lei), accusata di aver circuito l'ex parroco di Ponzano Veneto don Angelo Trevisan. Difesi dall'avvocato Andrea Zambon, torneranno in aula a settembre. Per l'accusa i due, sfruttando l'incapacità di intendere e volere di cui soffriva al momento dei fatti il prete, che ha 92 anni, sarebbero riusciti a farsi consegnare in diverse occasioni decine e decine di migliaia di euro. Fu lo stesso parroco, fiutato il raggiro, a denunciare tutto alle autorità.