Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In aula una coppia di Vascon di Carbonera per truffa

PARROCO RAGGIRATO: I DUE GIOSTRAI VOGLIONO RISARCIRE

Vittima l'ex prete di Ponzano, don Angelo Trevisan



PONZANO
– Dopo essere riusciti a spillargli oltre 200 mila euro, ora chiedono al giudice di poter risarcire la vittima. E' la mossa processuale avanzata da una coppia di giostrai di Vascon di Carbonera (35 anni lui, 28 lei), accusata di aver circuito l'ex parroco di Ponzano Veneto don Angelo Trevisan. Difesi dall'avvocato Andrea Zambon, torneranno in aula a settembre. Per l'accusa i due, sfruttando l'incapacità di intendere e volere di cui soffriva al momento dei fatti il prete, che ha 92 anni, sarebbero riusciti a farsi consegnare in diverse occasioni decine e decine di migliaia di euro. Fu lo stesso parroco, fiutato il raggiro, a denunciare tutto alle autorità.