Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In aula una coppia di Vascon di Carbonera per truffa

PARROCO RAGGIRATO: I DUE GIOSTRAI VOGLIONO RISARCIRE

Vittima l'ex prete di Ponzano, don Angelo Trevisan



PONZANO
– Dopo essere riusciti a spillargli oltre 200 mila euro, ora chiedono al giudice di poter risarcire la vittima. E' la mossa processuale avanzata da una coppia di giostrai di Vascon di Carbonera (35 anni lui, 28 lei), accusata di aver circuito l'ex parroco di Ponzano Veneto don Angelo Trevisan. Difesi dall'avvocato Andrea Zambon, torneranno in aula a settembre. Per l'accusa i due, sfruttando l'incapacità di intendere e volere di cui soffriva al momento dei fatti il prete, che ha 92 anni, sarebbero riusciti a farsi consegnare in diverse occasioni decine e decine di migliaia di euro. Fu lo stesso parroco, fiutato il raggiro, a denunciare tutto alle autorità.