Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitą coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Miane, ha subito perso i sensi, negativo l'esito della tac

CADE IN DISCESA, FERITO CICLISTA DELLA RINASCITA

Mattia Pellizzer ha sbattuto il capo contro una roccia


MIANE - Mentre si stava allenando con i compagni di squadra della team ciclistico “Borgo Molino-Rinascita Ormelle” sulle colline trevigiane è caduto in un tratto in discesa ed ha sbattuto il capo contro un muretto di roccia. Un colpo violentissimo che ha portato alla rottura del caschetto di protezione. Attimi di paura quelli vissuti giovedì a Miane da Mattia Pellizzer, ciclista 17enne di Fanzolo di Vedelago. In pieno centro abitato, di fronte al ristorante "da Gigetto", Pellizzer all’improvviso ha perso, forse a causa di un tombino, il controllo della bici. Il ragazzo che pedalava in coda al drappello grigioverde  è letteralmente volato via, è finito contro un muretto di roccia sbattendo con la tempia su uno spigolo, restando sull’asfalto, privo di sensi.“Ho ancora i brividi – racconta il direttore sportivo della squadra Pavanello - Dopo avere perso l’equilibrio, Mattia è finito contro il muro ed ha compiuto due giri su se stesso a peso morto prima di finire a terra e restare immobile per almeno 30-40 interminabili secondi. Un incubo, dopo quanto visto domenica a Orsago nella caduta del ragazzo sloveno. Il casco si è spaccato in due. Per fortuna lo portava. Un miracolo lo ha salvato. Ho subito chiamato il 118. L’ambulanza lo ha trasportato d’urgenza al pronto soccorso di Conegliano dov’è stata subito eseguita una Tac. Per fortuna risultata negativa: la caduta non ha avuto conseguenze. Già oggi dovrebbero dimetterlo”. Ma i drammatici momenti vissuti giovedì non sono bastati. Perché mentre si sfiorava il dramma a Miane, sulle strade vicentine, nella zona di Lonigo, succedeva un fatto altrettanto allarmante, verificatosi sempre in allenamento. Davide Bauce, infatti, è stato fermato da alcune persone, minacciato e derubato della bici, una Pinarello, dal valore complessivo di circa cinquemila euro. Il ragazzo rimasto appiedato, superato il momentaneo shock, si è poi fatto coraggio ed ha trovato il modo di tornare a casa, tra la rabbia e la costernazione per quanto accaduto che ha davvero dell’incredibile.