Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/157: IN MALESIA TRIONFA IL "QUASI ITALIANO" ZANOTTI

Tra gli azzurri bene Manassero e Paratore, "tagliato" Molinari


Prova impegnativa, per Nino Bertasio, Edoardo Molinari, Renato Paratore e Matteo Manassero, gli azzurri impegnati al Saujana G&CC di Kuala Lumpur in Malesia, nel torneo dell’European Tour organizzato dal 9 al 12 febbraio in collaborazione con Asian Tour. In palio c’erano 2.810.000...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/156: SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE AL DESERT CLASSIC

A Dubai grandi nomi e... neve, delude Tiger Woods


DUBAI - Dal 2 al 5 febbraio, l’evento dell’European Tour che ha visto la partecipazione di Tiger Woods, e cui prendevano parte anche gli azzurri Matteo Manassero, Renato Paratore e Nino Bertasio. All’Emirates GC di Dubai Par 72. A difendere il titolo, era l’inglese Danny...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/155: I 25 ANNI DEL CLUB "I SALICI" DI TREVISO

Tra gli eventi per l'anniversario anche una Lousiana a due


TREVISO - Domenica 29 gennaio è partita la prima delle gare di corollario, al festeggio delle nozze d’argento che il Golf Club "I Salici" di Treviso celebra quest’anno: una gara di coppia, Louisiana a due. Ho avuto l’opportunità di partecipare anch’io, ed...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si ricorrerÓ a prepensionamenti e contratti di solidarietÓ

VENETO BANCA, RAGGIUNTO L'ACCORDO SUGLI ESUBERI

Nessun licenziamento tra i 730 tagli dichiarati


MONTEBELLUNA - Raggiunto l'accordo sui 730 esuberi dichiarati a Veneto Banca: non ci sarà nessun licenziamento. I rappresentati del gruppo montebellunese e quelli dei sindacati, dopo una trattativa no stop durata fino alla notte inoltrata di venerdì hanno raggiunto l'accordo che chiude la procedura sui tagli al personale. A metà dell'anno scorso, la banca aveva annunciato la necessità di ridurre l'occupazione di 430 unità, a cui lo scorso anno si erano aggiunti altri 300 addetti (su oltre 5mila totali), nell'ambito del nuovo piano industriale al 2020. Di questi, circa 300 andranno in pensione o in prepensionamento volontario nei prossimi quattro, a seconda di quando matureranno i requisiti; altri 200 verranno riconvertiti all'interno del gruppo, nell'ambito della riorganizzazione delle filiali, delle direzioni territoriale e delle funzioni centrali. L'intesa poi prevede il ricorso a 103mila giornate di solidarietà, con una media di 22 giorni per lavoratore dal 2016 al 2018 (il costo economico reale è dai 200 ai 400 euro a testa). Verrà anche favorito l'accesso al part time e all'aspettativa. Sul fronte opposto, l'accordo garantisce la stabilizzazione di un centinaio di contratti a termine e di una cinquantina di apprendisti, oltre al prolungamento fino alla fine del prossimo anno della contrattazione integrativa aziendale.