Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/178: LIGNANO OPEN, IL 6░ APPUNTAMENTO DELL'ITALIAN PRO TOUR 2017

Primo l'austriaco Markus Habeler con 200 colpi, 16 sotto Par


LIGNANO - È tornata al Golf Club Lignano questo importante appuntamento. Anticipato mercoledì 19 luglio da una speciale Pro Am, ha preso il via in grande stile sul tracciato friulano, il Lignano Open, sesto torneo dell’Italian Pro Tour 2017; fa parte del circuito di gare...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si ricorrerÓ a prepensionamenti e contratti di solidarietÓ

VENETO BANCA, RAGGIUNTO L'ACCORDO SUGLI ESUBERI

Nessun licenziamento tra i 730 tagli dichiarati


MONTEBELLUNA - Raggiunto l'accordo sui 730 esuberi dichiarati a Veneto Banca: non ci sarà nessun licenziamento. I rappresentati del gruppo montebellunese e quelli dei sindacati, dopo una trattativa no stop durata fino alla notte inoltrata di venerdì hanno raggiunto l'accordo che chiude la procedura sui tagli al personale. A metà dell'anno scorso, la banca aveva annunciato la necessità di ridurre l'occupazione di 430 unità, a cui lo scorso anno si erano aggiunti altri 300 addetti (su oltre 5mila totali), nell'ambito del nuovo piano industriale al 2020. Di questi, circa 300 andranno in pensione o in prepensionamento volontario nei prossimi quattro, a seconda di quando matureranno i requisiti; altri 200 verranno riconvertiti all'interno del gruppo, nell'ambito della riorganizzazione delle filiali, delle direzioni territoriale e delle funzioni centrali. L'intesa poi prevede il ricorso a 103mila giornate di solidarietà, con una media di 22 giorni per lavoratore dal 2016 al 2018 (il costo economico reale è dai 200 ai 400 euro a testa). Verrà anche favorito l'accesso al part time e all'aspettativa. Sul fronte opposto, l'accordo garantisce la stabilizzazione di un centinaio di contratti a termine e di una cinquantina di apprendisti, oltre al prolungamento fino alla fine del prossimo anno della contrattazione integrativa aziendale.