Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Domenica Costa Alta di Pederobba ricorda il suo migrante con incontri e spettacoli

JACK COSTA, LA CORSA ALL'ORO E IL RITORNO IN PATRIA

L'intervista al curatore del progetto, Roberto Sartor


Domenica 19 giugno, Costa Alta (Comune di Pederobba) - uno dei borghi più belli della Pedemontana del Grappa, ospiterà un evento aperto a chiunque voglia conoscere la storia di Jack Costa, migrante avventuriero tra i ghiacci dell’Alaska, attraverso incontri, spettacoli di teatro, danza, mostre di fotografia, illustrazione, video, suono e laboratori per i più piccoli.

Giovanni Dalla Costa, partito nel 1886 da Costa Alta, frazione rurale del Comune di Pederobba, per diventatare Jack Costa, pioniere della corsa all’oro in Alaska, e tornare dopo molti anni al suo paese, a godere dei risultati delle fatiche passate. Fino all’arrivo della prima guerra mondiale.

Una storia che nasce tra i castagni del Monfenera, in quel Veneto povero che costringe i contadini a lasciare la propria terra in cerca di fortuna - e che si conclude con un altro esodo, quello dei profughi che lasciano case e terre per lasciare spazio al fronte del Piave e del Grappa.

Quella di Jack Costa è una storia ricca di avventure d’oltreoceano che nella sua eccezionalità porta con sé i fatti più salienti del Veneto a cavallo tra ‘800 e ‘900. E ciò che la rende ancora più interessante è che ci permette di ragionare su concetti attuali: la partenza, il viaggio, il perseverare nella ricerca di un obiettivo, ma anche la fuga da una guerra, la convivenza con diversità culturali.

L'intervista al curatore del progetto, Roberto Sartor (in alto il link audio)

PROGRAMMA:

ORE 14.00: caffè con “I Cantastorie della Costa” - dialoghi sulla vita quotidiana di un borgo

ORE 14.30: Jack Costa e Felix Pedro, dall’Alaska, una storia di forza e amicizia.

- La raccontano gli scrittori Dario De Bortoli e Massimo Turchi

ORE 15.30: visita guidata al borgo e alle mostre di fotografia-video-illustrazione-suono

ORE 16: “Caccia alla storia - in viaggio con Jack” - Letture animate per bambini e adulti coraggiosi

- a cura di Civetta Carlotta

ORE 17: canti con “I Cantastorie della Costa”

ORE 17.30: Jack Costa, tra storia e futuro

Incontro con Filiberto Agostini (docente di Storia Contemporanea-Università di Padova) / a seguire: Steve Bisson (fondatore

di Urbanautica), Emiliano Oddone (Dolomiti Project), Claudio De Lucchi (progetto Nuove Tracce)

ORE 19: “Cercate l’oro!” - spettacolo teatrale di Alberta Toninato

ORE 20: “Ancora una volta” - coreografia di Martina Serena, interpretata dalle allieve della scuola ARTeDANZA

ORE 20.15: cena con “I Cantastorie della Costa” - dialoghi sulla migrazione

ORE 21: “The Gold Rush” - performance di Beatrice Bresolin, con musiche di Isaac De Martin ed Enrico Scriminich

ORE 21.30: “Il Peso dell’oro” - spettacolo teatrale di Paolo Bertoncello

Il progetto è curato da Roberto Sartor e Irene Valenti di “Chiocciola la casa del nomade” organizzazione impegnata in progetti di educazione al paesaggio e alla cittadinanza
www.chiocciolalacasadelnomade.it

In collaborazione con amici e abitanti del borgo di Costa Alta e con Associazione Salvatica, Associazione AriaNova, Associazione Interferenza, Civetta Carlotta.
Con il patrocinio del Comune di Pederobba

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/Jack-Costa-Da-Costa-Alta-al-resto-del-Mondo-882670861853646/