Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Credito alle imprese treviane in calo del 4% tra 2015 e 2016

BANKITALIA: "BANCHE VENETE, SITUAZIONE SOTTO CONTROLLO"

Presentato il rapporto sull'economia regionale


TREVISO - Il credito alle imprese va giù e le difficoltà nel mondo bancario trevigiano e veneto restano molte, ma "il peggio è passato" rassicura Bankitalia.
Banca d'Italia ha presentato a Treviso l'annuale edizione per il Veneto del suo rapporto sulle Economie regionali. Nel 2015, tutti i principali indicatori sono in positivo "I migliori dal 2013", conferma Maurizio Trifilidis, direttore della sede regionale di Venezia. Fanno eccezione i finanziamenti alle imprese: nella seconda parte del 2015 e nei primi mesi del 2016 si è registrato un calo del 4%, superiore anche alla media veneta del 2%. "Una flessione dovuta, più che alla domanda, che comunque resta bassa, a fattori legati all'offerta, come criteri più selettivi applicati dalla banche", spiega Paolo Chiades, della Divisione Analisi e ricerca economica territoriale, che ha illustrato i dati insieme alla collega Sonia Soncin. E non è estranea neppure la crisi delle grandi ex popolari venete.
Trifilidis ha comunque sottolineato che il sistema bancario veneto sta ritrovando solidità. A partire dalle banche di credito cooperativo, su cui la sede veneziana ha diretta responsabilità di vigilanza: “Abbiamo risolto alcuni casi gravi - ha detto il direttore -, ma attualmente tutte le bcc sono in buono stato e sono previsti in futuro una serie di programmi di concentrazione che le rafforzeranno ulteriormente”. Inevitabile il riferimento a Veneto Banca e BpV (il cui controllo compete invece agli organi nazionali ed europei): “Hanno attraversato un periodo molto difficile e purtroppo ci sono stati danni rilevanti anche per gli azionisti ed i risparmiatori, però ora la situazione si prospetta in maniera tale che ci potranno essere soluzioni positive in futuro”.
Trifilidis ha sottolineato come proprio la prevalenza di istituti mutualistici, come bcc e popolari, abbia rappresentato da un lato un vantaggio, ma, dall'altro, anche un fattore di debolezza. E ad riservato una stoccata ad alcuni gruppi dirigenti delle banche: “Fare banca, in Veneto, negli anni '90 e nei primi anni Duemila era facile: l'economia tirava, le imprese chiedevano finanziamenti e li restituivano - ha rimarcato -. Qualcuno in quel periodo è diventato un grande banchiere, ma forse è stato più fortunato che bravo. Poi quando sono arrivate le difficoltà, si è fatto trovare impreparato o ha cercato scorciatoie”.

Galleria fotograficaGalleria fotografica