Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Credito alle imprese treviane in calo del 4% tra 2015 e 2016

BANKITALIA: "BANCHE VENETE, SITUAZIONE SOTTO CONTROLLO"

Presentato il rapporto sull'economia regionale


TREVISO - Il credito alle imprese va giù e le difficoltà nel mondo bancario trevigiano e veneto restano molte, ma "il peggio è passato" rassicura Bankitalia.
Banca d'Italia ha presentato a Treviso l'annuale edizione per il Veneto del suo rapporto sulle Economie regionali. Nel 2015, tutti i principali indicatori sono in positivo "I migliori dal 2013", conferma Maurizio Trifilidis, direttore della sede regionale di Venezia. Fanno eccezione i finanziamenti alle imprese: nella seconda parte del 2015 e nei primi mesi del 2016 si è registrato un calo del 4%, superiore anche alla media veneta del 2%. "Una flessione dovuta, più che alla domanda, che comunque resta bassa, a fattori legati all'offerta, come criteri più selettivi applicati dalla banche", spiega Paolo Chiades, della Divisione Analisi e ricerca economica territoriale, che ha illustrato i dati insieme alla collega Sonia Soncin. E non è estranea neppure la crisi delle grandi ex popolari venete.
Trifilidis ha comunque sottolineato che il sistema bancario veneto sta ritrovando solidità. A partire dalle banche di credito cooperativo, su cui la sede veneziana ha diretta responsabilità di vigilanza: “Abbiamo risolto alcuni casi gravi - ha detto il direttore -, ma attualmente tutte le bcc sono in buono stato e sono previsti in futuro una serie di programmi di concentrazione che le rafforzeranno ulteriormente”. Inevitabile il riferimento a Veneto Banca e BpV (il cui controllo compete invece agli organi nazionali ed europei): “Hanno attraversato un periodo molto difficile e purtroppo ci sono stati danni rilevanti anche per gli azionisti ed i risparmiatori, però ora la situazione si prospetta in maniera tale che ci potranno essere soluzioni positive in futuro”.
Trifilidis ha sottolineato come proprio la prevalenza di istituti mutualistici, come bcc e popolari, abbia rappresentato da un lato un vantaggio, ma, dall'altro, anche un fattore di debolezza. E ad riservato una stoccata ad alcuni gruppi dirigenti delle banche: “Fare banca, in Veneto, negli anni '90 e nei primi anni Duemila era facile: l'economia tirava, le imprese chiedevano finanziamenti e li restituivano - ha rimarcato -. Qualcuno in quel periodo è diventato un grande banchiere, ma forse è stato più fortunato che bravo. Poi quando sono arrivate le difficoltà, si è fatto trovare impreparato o ha cercato scorciatoie”.

Galleria fotograficaGalleria fotografica