Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sopresi dai Carabinieri in Riviera S. Margherita e in centro

SPACCIAVANO HASHISH, TRE PROFUGHI DENUNCIATI

Originari del Gambia, sono ospitati alla caserma Serena


TREVISO - Spacciavano droga a coetanei. Tre giovani africani sono stati fermati e identificati dai Carabinieri della Compagnia di Treviso. Si tratta di C.K. 20enne, D.S. 21enne e G.O. 23enne, tutti originari del Gambia e domiciliati presso la ex caserma “Serena” in attesa del riconoscimento dello status di rifugiato.
E’ il risultato di una serie di servizi straordinari svolti dal Nucleo Radiomobile nelle scorse settimane in Riviera S.Margherita e nelle vie adiacenti del capoluogo trevigiano, con lo scopo di monitorare le aree di maggiore aggregazione giovanile in questo periodo estivo.
Gli stranieri, tutti incensurati, sono stati sorpresi dai militari dell'Arma mentre cedevano piccole quantità di “hashish”, dell’ordine di qualche grammo, a giovani coetanei locali che la acquistavano per uso personale. In alcune occasioni, le dosi erano state nascoste negli indumenti intimi per eludere la vigilanza ed il controllo dei carabinieri.
Ora, nei confronti dei tre profughi è scattato il deferimento in stato di libertà alla locale Procura della Repubblica per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti, mentre nei confronti degli acquirenti si è provveduto alla segnalazione alla Prefettura di Treviso in qualità di assuntori di sostanze stupefacenti.