Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/157: IN MALESIA TRIONFA IL "QUASI ITALIANO" ZANOTTI

Tra gli azzurri bene Manassero e Paratore, "tagliato" Molinari


Prova impegnativa, per Nino Bertasio, Edoardo Molinari, Renato Paratore e Matteo Manassero, gli azzurri impegnati al Saujana G&CC di Kuala Lumpur in Malesia, nel torneo dell’European Tour organizzato dal 9 al 12 febbraio in collaborazione con Asian Tour. In palio c’erano 2.810.000...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/156: SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE AL DESERT CLASSIC

A Dubai grandi nomi e... neve, delude Tiger Woods


DUBAI - Dal 2 al 5 febbraio, l’evento dell’European Tour che ha visto la partecipazione di Tiger Woods, e cui prendevano parte anche gli azzurri Matteo Manassero, Renato Paratore e Nino Bertasio. All’Emirates GC di Dubai Par 72. A difendere il titolo, era l’inglese Danny...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/155: I 25 ANNI DEL CLUB "I SALICI" DI TREVISO

Tra gli eventi per l'anniversario anche una Lousiana a due


TREVISO - Domenica 29 gennaio è partita la prima delle gare di corollario, al festeggio delle nozze d’argento che il Golf Club "I Salici" di Treviso celebra quest’anno: una gara di coppia, Louisiana a due. Ho avuto l’opportunità di partecipare anch’io, ed...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La banda aveva terrorizzato il Nordest con fughe roccambolesche

ESTRADATO IN ITALIA L'AUTISTA DELL'AUDI GIALLA

Vasil Rama, 36enne albanese, era stato arrestato in Grecia


TREVISO - E' stato estradato in Italia Vasil Rama: il 36enne albanese era l'autista della famigerta “banda dell’Audi Gialla” ed era stato arrestato in Grecia a settembre.
In particolare, Rama risulta essere il presunto conducente del bolide, un'Audio RS&, appunto di colore giallo, a bordo della quale una banda di malviventi terrorizzava il Nord-est italiano nel gennaio scorso: violente rapine seguite da rocambolesche e pericolosissime fughe attraverso le più disparate arterie stradali ed autostradali oltrepassando i 250 km orari con la potente auto, con targa svizzera, forzando posti di blocco, ingaggiando conflitti a fuoco e sfuggendo sempre alla cattura anche percorrendo tratti autostradali contromano mettendo a repentaglio la vita degli altri utenti della strada.
Documenti falsi, vari alias, ed una elevata capacità di sfuggire ai controlli varcando i confini di vari paesi, non hanno impedito agli uomini del Comando Provinciale Carabinieri di Venezia, in stretta collaborazione con il personale del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, di braccare il fuggitivo ed arrestarlo.
Lo scambio informativo tra il servizio internazionale della Polizia e gli omologhi dei vari paesi dell’area balcanica ha permesso la localizzazione e la successiva cattura in territorio ellenico. Espletate le procedure estradizionali di consegna verso l’Italia e scortato da personale dell'Interpol, il malvivente è giunto all’aeroporto di Milano Malpensa nel pomeriggio.