Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/178: LIGNANO OPEN, IL 6° APPUNTAMENTO DELL'ITALIAN PRO TOUR 2017

Primo l'austriaco Markus Habeler con 200 colpi, 16 sotto Par


LIGNANO - È tornata al Golf Club Lignano questo importante appuntamento. Anticipato mercoledì 19 luglio da una speciale Pro Am, ha preso il via in grande stile sul tracciato friulano, il Lignano Open, sesto torneo dell’Italian Pro Tour 2017; fa parte del circuito di gare...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La banda aveva terrorizzato il Nordest con fughe roccambolesche

ESTRADATO IN ITALIA L'AUTISTA DELL'AUDI GIALLA

Vasil Rama, 36enne albanese, era stato arrestato in Grecia


TREVISO - E' stato estradato in Italia Vasil Rama: il 36enne albanese era l'autista della famigerta “banda dell’Audi Gialla” ed era stato arrestato in Grecia a settembre.
In particolare, Rama risulta essere il presunto conducente del bolide, un'Audio RS&, appunto di colore giallo, a bordo della quale una banda di malviventi terrorizzava il Nord-est italiano nel gennaio scorso: violente rapine seguite da rocambolesche e pericolosissime fughe attraverso le più disparate arterie stradali ed autostradali oltrepassando i 250 km orari con la potente auto, con targa svizzera, forzando posti di blocco, ingaggiando conflitti a fuoco e sfuggendo sempre alla cattura anche percorrendo tratti autostradali contromano mettendo a repentaglio la vita degli altri utenti della strada.
Documenti falsi, vari alias, ed una elevata capacità di sfuggire ai controlli varcando i confini di vari paesi, non hanno impedito agli uomini del Comando Provinciale Carabinieri di Venezia, in stretta collaborazione con il personale del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, di braccare il fuggitivo ed arrestarlo.
Lo scambio informativo tra il servizio internazionale della Polizia e gli omologhi dei vari paesi dell’area balcanica ha permesso la localizzazione e la successiva cattura in territorio ellenico. Espletate le procedure estradizionali di consegna verso l’Italia e scortato da personale dell'Interpol, il malvivente è giunto all’aeroporto di Milano Malpensa nel pomeriggio.