Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si sono fatti consegnare 2mila euro, ne volevano altri 4mila

"DACCI I SOLDI O TI AMMAZZIAMO": ARRESTATI DUE GIOSTRAI

Minacce con una pistola ad un'operaio trevigiano


TREVISO - Hanno minacciato, anche con un arma, un operaio trevigiano, facendosi consegnare, in totale, duemila euro.
Due uomini, un 22enne e un 31enne, entrambi residenti a Treviso e appartenenti a note famiglie di giostrai, sono stati arrestati con l'accusa di estorsione aggravata in concorso.
I primi due episodi, secondo quanto ricostruito nelle indagini condotte dalla Squadra Mobile della Questura di Treviso, risalgono allo scorso agosto: i due, con violenze verbali e fisiche, hanno costretto la loro vittima, conosciuta in precedenza, a dar loro mille euro in contanti.
I malviventi sono poi tornati alla carica a settembre: con ulteriori intimidazioni, esigevano il pagamento di altri 5mila euro. Stavolta, però, l'uomo ha rifiutato. Le richieste di ingenti somme di denaro, tuttavia, sono continuate e anzi sono diventate sempre più pressanti. Ad ottobre l'operaio, dopo essere stato attirato nell’abitazione di uno dei due, sotto la minaccia di una pistola, è stato obbligato a sborsare altri 930, chiesti in prestito ad un amico e al padre, con l’accordo che avrebbe consegnato il resto dei soldi pretesi nei giorni successivi.
Temendo per la propria vita e per quella dei propri familiari, tuttavia, il malcapitato si è rivolto alla Polizia di Stato. Gli investigatori hanno fatto subito scattare le indagini nei confronti dei due giostrai che ora si trovano agli arresti domiciliari.