Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

E' molto amaro l'ultimo atto della farsa biancoceleste

SALTA L'ACCORDO NARDIN-DONDI SPARISCE IL TREVISO

Ci sono solo 4 giocatori tesserati, gli altri già a casa


TREVISO - La farsa finalmente è finita. Ma nel peggiore dei modi. Il passaggio di proprietà dell'ACD Treviso da Nardin a Dondi non è avvenuto, la quindicina di giocatori che attendevano di essere tesserati per giocare domani a Portobuffolè sono stati rilasciati e, di fatto, il Treviso non c'è più. A meno che Nardin, che ha fatto di tutto per far fallire la trattativa prima con Vissoli ed ora con Dondi, non abbia alle spalle, come si vocifera, qualche cordata, se non anche un paio, disposta ad aiutarlo. Ma resta un'ipotesi molto remota se non fantasiosa, anche se qui ormai nessuno si stupisce più di nulla. A tutt'oggi i tesserati biancocelesti sono 4: Ciccone, Sabatino, Bedin e Bruno, più la rosa della Primavera.
Comprensibile l'amarezza di Claudio Dondi: "Nonostante l'ultima malleva effettuata da me questa mattina per i 1500 euro relativi ad un appartamento, e ce n'era un'altra di 10 mila già pronta, Nardin non ha mai risposto. Mi sono già rivolto alla Procura Federale che farà le sue indagini, l'amministrazione comunale metterà i sigilli al Tenni e qualcuno dovrà fornire delle spiegazioni. Da parte mia farò una conferenza stampa martedì per spiegare ciò che è successo, io ne devo uscire pulito, mentre secondo me qualcun altro si è comportato in maniera non chiara. I verbali erano stati depositati già lunedì, l'assessore Michielan giustamente ha detto di voler vedere questi documenti, glieli darò senza problemi."
In sostanza il Treviso Calcio sparisce a causa di qualche modesto assegno. "Esattamente. E nonostante dichiarazioni scritte che qualcuno, cioè il sottoscritto, si impegnava a pagare. E ho le mail anche degli Amatori Calcio. E meno male che non ho pagato le bollette del campo di Carbonera, altrimenti erano altri soldi in fumo. Posso solo dire che gli accordi in essere fino a venerdì sera io li ho mantenuti, chiedete pure ai fornitori. Se poi Nardin costringerà gli juniores a giocare anche la domenica sono affari suoi, miei no di sicuro."
Morale? "Esperienza positiva per le persone che ho conosciuto qui a Treviso, dove ho trovato la massima collaborazione, gli allenatori Doardo e Bianconi, i tifosi mi hanno sempre incitato a non mollare. E squisiti sono stati anche i vari fornitori, a cui mi sono presentato per togliere le malleve. Dall'altra parte un Nardin da cui sto ancora attendendo una risposta."
Domani il Treviso avrebbe dovuto giocare a Portobuffolè contro il Portomansuè: avrà partita persa 0-3 ed un punto in meno in classifica. A meno che Nardin non costringa per la quarta volta gli juniores a scendere in campo.