Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitÓ coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La realizzazione affidata ad un laboratorio artigiano di Udine

PER I NUOVI ACCESSORI IN PELLE, MEGLIO L'ITALIA

Il gruppo Ita di Vascon riporta la produzione in patria


CARBONERA - Una scelta controcorrente rispetto ai trend di mercato. Contrariamente alle tante realtà italiane che in questi anni hanno spostato la produzione all’estero per abbassare i costi, Ita, gruppo di Vascon di Carbonera, leader nei prodotti e nei servizi destinati a tabaccherie, cartolerie e grande distribuzione, ha infatti deciso di tornare a produrre in Italia. La sua linea di accessori in pelle verrà realizzata da una ditta artigiana di Udine.
Marco Fabbrini, amministratore delegato ItaCon il marchio di proprietà Egoist, infatti, l'azienda trevigiana lo scorso settembre ha lanciato una nuova una linea di articoli in pelle Made in Italy: portafogli, pochette, bustine porta tabacco, porta monete, porta pipa e porta sigari.
Finora la produzione era effettuata in India, ma coerente al concetto di made in Italy, l'azienda di Vascon si è affidata per la nuova collezione ad piccolo laboratorio di Udine, fondato da un giovane artigiano nel 2013 che ha appreso il mestiere lavorando in una delle storiche pelletterie del distretto friulano. Attualmente nel laboratorio lavorano cinque artigiani. Ogni portafoglio o portamonete prodotto da ITA per questa collezione prevede che oltre l’80% del lavoro necessario venga effettuato a mano, una materia prima eccellente, impunture perfette e resistenti, modelli unici realizzati esclusivamente per Ita e disegnati per rispondere alle esigenze dei clienti.
Anche le pelli sono rigorosamente nostrane: provengono da una delle più antiche concerie vicentine, dalla valle del Chiampo. I primi 5 mila pezzi sono già andati esauriti e la nuova collezione, attualmente in fase di progettazione verrà arricchita con nuovi modelli e nuovi colori.
“Abbiamo deciso di produrre la nostra linea di accessori in pelle in Italia non solo per il prestigio derivante dai prodotti che possono fregiarsi del “made in” - spiega l'amministratore delegato Marco Fabbrini -, ma anche perché in questo modo possiamo offrire al cliente un miglior servizio e la qualità più elevata. Una filosofia questa che è da sempre alla base del modus operandi di Ita. Vogliamo fare la nostra parte, nel nostro piccolo, per mantenere alto il nome del Made in Italy e contribuire a mantenere in vita quel saper fare e quelle abilità che rischiano di andare perdute e che hanno reso la qualità della nostra manifattura riconosciuta in tutto il mondo”.