Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/195: A DUBAI IL GRAN FINALE DELL'EUROPEAN TOUR

Rahm vince il torneo, classifica generale a Fleetwood


DUBAI - Con la disputa del DP World Tour Championship Dubai (16-19 novembre), è terminata al Jumeirah Golf Estates (Par 72), la stagione dell’European Tour cui hanno partecipato i primi sessanta classificati nell’ordine di merito della "Race To Dubai". Unico italiano in gara...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nel comune marchigiano il 70% degli abitanti non ha più una casa

DALLE IMPRESE TREVIGIANE UNA MENSA PER I TERREMOTATI

Unindustria dona una sala per il pranzo al paese di Monte Cavallo


TREVISO - Dalla solidarietà delle aziende trevigiane e di Unindustria Treviso nasce la mensa per i terremotati del comune marchigiano di Monte Cavallo (Macerata). Le donazioni in denaro e in beni ammontano a circa 80mila euro e si aggiungono a quelle a cui imprese e lavoratori trevigiani hanno contribuito attraverso l’accordo nazionale tra Confindustria e sindacati.
“A seguito del devastante terremoto che ha colpito il Centro Italia – spiega la presidente di Unindustria Treviso Maria Cristina Piovesana - ci siamo attivati come sistema associativo e anche direttamente come associazione per dare sostegno e aiuto alle popolazioni. Il nostro desiderio era di contribuire alla ricostruzione ma la dimensione del fenomeno e la recrudescenza delle persistenti calamità, impongono interventi di emergenza. Il nostro obiettivo era di destinare questa raccolta ad una specifica iniziativa di sostegno alle popolazioni terremotate, che dapprima pensavamo rivolta all’acquisto di moduli abitativi. Sentita la task force di Confindustria, PGE Piano Gestione Emergenze, e la Protezione Civile, abbiamo raccolto una richiesta urgente a Monte Cavallo (Macerata), dell’area del ‘cratere’, per offrire una mensa alle popolazioni della zona”.
Monte Cavallo è un piccolo comune dove attualmente il 70% della popolazione non ha più una casa e utilizza il servizio mensa istituito dalla protezione civile e gestito da un operatore della zona. Questo servizio viene ora svolto in una tenda e quindi in situazioni di forte disagio. La struttura offerta dalle imprese trevigiane, oltre che rendere un servizio immediato alla popolazione, contribuirà anche a riavviare un’attività di ristorazione e quindi alla ripresa economica del comune.
“L’iniziativa portata a compimento dagli imprenditori trevigiani ha segnato un punto di svolta nella ripartenza della comunità di Monte Cavallo dopo i drammatici eventi del 26 e 30 ottobre – dichiara il Sindaco Pietro Cecoli - . La donazione della struttura prefabbricata permetterà all’unica attività di ristorazione presente nel paese di poter ripartire con dignità e poter tornare a credere nel futuro. Nel contempo, consentirà alla popolazione di Monte Cavallo, costretta ad abbandonare le abitazioni rese inagibili dal terremoto, di poter usufruire di un adeguato servizio mensa in una struttura sicura ed accogliente ed anche trascorrere delle ore di svago per distrarsi dal dramma che purtroppo ci ha colpito duramente. Con il vostro aiuto avete dato una grande speranza per il futuro di questa comunità che, seppur piccola, è sempre stata molto vivace. Saremo quindi onoratissimi di ringraziare personalmente tutti i generosi donatori associati ad Unindustria di Treviso proprio nel giorno dell’inaugurazione della struttura”.
Il Sindaco conta di inaugurare la mensa già a Pasqua. E’ già stato effettuato un sopralluogo sul posto e sono stati concordati tempi e modalità di installazione con l’ufficio tecnico del Comune.
Le imprese che hanno contribuito all’iniziativa sono Accadueo Impianti, Alf, AG, Arper, Autoricambi P.D.M., B.P.S. Elettronica, Breton, Corradi, Grespan Impianti Tecnologici, Dersut Caffè, Dotto, Eco Studio, Everest, Fassa, Fluid System, Irinox, Jolly Scarpe, Keido Sportswear, Leggett & Platt O.C.I., Maglificio Ferdinanda, Metalmeccanica Alba, Venezia, Mayer Braun Deutschland, Montecavi, Nice, Novation Tech, O.S.RA.V. Alfeo Moret, Iride, Saccon, Siretessile, Sport System, TSP, Unindustria Treviso, Virosac e Somec. Per la fornitura dei materiali la Dopla.
“Desidero ringraziare tutti per la condivisione di questa iniziativa – dichiara la Presidente - . I fondi raccolti consentono di acquistare direttamente la struttura prefabbricata, di 100 mq, e donarla all’Amministrazione Comunale di Monte Cavallo completa di impianti e installazione”.
La fornitura è de La Edilegno di San Martino di Colle Umberto, azienda associata a Unindustria Treviso, che ha proposto il manufatto secondo le specifiche tecniche fornite dai responsabili di PGE Confindustria e poi verificate dall’Ufficio tecnico del Comune marchigiano. L’azienda ha offerto la struttura ad un prezzo ‘solidale’, contribuendo essa stessa a raggiungere l’obiettivo. La donazione ha anche accelerato i tempi, evitando l’iter burocratico a cui avrebbe dovuto attenersi il Comune nel caso di versamento dei fondi raccolti.
“Il sindaco Pietro Cecoli ci ha già invitato all’inaugurazione della nuova mensa, che sarà per loro un incentivo alla ripresa e alla ricostruzione. Sono davvero orgogliosa del risultato che abbiamo raggiunto, un segno concreto di generosità, e di solidarietà che è a fondamento del nostro essere cittadini e imprenditori e del vero significato di sentirci parte integrante del bene sociale del nostro Paese”, conclude la presidente Piovesana.

Galleria fotograficaGalleria fotografica