Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Titoli di tafferugli e scintille smentiti nei fatti e dalle immagini dal vivo

SAVE THE CULTURE: DALLA CULTURA, PER LA CULTURA, L'INFORMAZIONE E LA RICERCA

Tra sostenitori della storia veneta e centri sociali non attechiscono provocazioni, anzi tutti accomunati nel nome di San Marco


VENEZIA - Un messaggio a sostegno della Cultura, dell'Informazione e della Ricerca, lanciato attraverso il linguaggio universale della musica, da quella che per secoli è stata la capitale mondiale della cultura, Venezia. Questi sono stati l'obiettivo e lo spirito del concerto andato in scena il 25 aprile in piazza San Marco, in occcasione della festa del santo patrono della città lagunare.
Dopo la manifestazione, alcuni organi di informazione, nazionali e locali, hanno insistito nel descrivere tensioni e proteste, forse con la volontà di dare all'evento una caratterizzazione, a cui invece era del tutto estraneo.
Per chi era presente, infatti, non è avvenuto nulla di tutto questo. Certo, cori di diverso orientamento, ma convergenti nella sostanza. Solo una sana contrappositizione: se qualcuno si aspettava qualcosa di diverso è rimasto deluso e dovrà farsene una ragione. Il concerto "Save the Culture", promosso dall'Associazione Culturale Veneto Uno, in occasione della Festa di San Marco, santo patrono di Venezia e di tutti i veneti, in stretta collaborazione con il Comune di Venezia e Raixe Venete, ha lanciato un unico monito: "Salvare la Cultura, l'Informazione, la Ricerca”. Sulle note delle Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi, interpretate da I Solisti di Radio Veneto Uno, è stato diffuso un richiamo di Cultura per la Cultura. Tutto questo a significare che solo la conoscenza, la cultura, il sapere possono darci la speranza di un futuro certo e migliore. La storia della nostra terra è impregnata da ben oltre un millennio di questo spirito: storia di lavoro, di risparmio, di commercio, di grande cultura, di pace.
Un messaggio alla fine condiviso anche dagli esponenti dei centri sociali. Certo, c'erano anche loro in piazza. Ma, appunto, non si è verificato alcun problema: i filmati video realizzati con ben quattro telecamere, da diverse angolazioni, sono a dimostrarlo. Anzi, quando hanno compreso la vera natura e gli obiettivi della manifestazione, non hanno potuto che apprezzarli.
Le forze dell'ordine, a cui va comunque ogni ringraziamento degli organizzatori, hanno ben vigilato e, grazie al Cielo, non hanno dovuto intervenire se non per significare la loro presenza. Alla fine la musica del “Prete rosso” ha conquistato anche i centri sociali. Atteggiamento apprezzato anche dagli stessi musicisti. A valere per tutti il simpatico commento di un'anziana signora che ha detto: "Ciò, Vivaldi ga zitio anca i centri sociài". In verità, probabilmente sono rimasti a bocca aperta come tutti i presenti.
Chi ama la storia e la tradizione veneta, non è di destra o di sinistra, ma AVANTI.

Galleria fotograficaGalleria fotografica