Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ora il governo ha fatto ricorso al Consiglio di Stato

FONDO DI SOLIDARIETÀ, CONTINUA LA BATTAGLIA DI 44 COMUNI TREVIGIANI

Il Tar aveva dato ragioni alle amministrazioni sulla ripartizione dell'Imu


CONEGLIANO - Il primo round l’hanno vinto i Comuni trevigiani. E ora chi vincerà il secondo?
Già, perché, il 16 maggio scorso, il Governo ha fatto ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar del Lazio 2554/2017 di febbraio che aveva riconosciuto le ragioni dei 44 Comuni trevigiani annullando la ripartizione del Fondo di Solidarietà 2015, fondo perequativo nazionale costituito con la tassazione locale sugli immobili, l’Imu. Tale provvedimento era stato giudicato illegittimo per il ritardo, di ben 9 mesi rispetto al termine di legge, con cui il Consiglio dei Ministri lo aveva emanato.

I Comuni trevigiani, con capofila Conegliano, non hanno perso tempo e si sono costituiti in giudizio per ribadire le loro ragioni. Questa battaglia ha dei risvolti politici importanti. Il Tar del Lazio ha infatti riconosciuto che è stata lesa dallo Stato l'autonomia finanziaria dei Comuni, come sancita dall'articolo 119 della Costituzione, che richiama il principio di certezza delle risorse disponibili. Per poter elaborare e approvare il bilancio di previsione, infatti, gli enti locali devono conoscere le entrate su cui possono contare per poter esercitare la propria autonomia in materia di spesa. Così purtroppo non è avvenuto nel 2015, come del resto negli anni precedenti. A causa appunto dei ritardi ministeriali.

"La costituzione davanti il Consiglio di Stato dei 44 Comuni vincitori avanti il Tar del Lazio fa parte di un percorso coordinato dall'Associazione Comuni della Marca Trevigiana per far valere in tutte le sedi le ragioni degli enti di un territorio virtuoso e correggere quei provvedimenti che penalizzano ingiustamente i nostri cittadini – afferma Mariarosa Barazza, presidente dell’Associazione Comuni della Marca Trevigiana -. Attraverso la partecipazione al giudizio di secondo grado vogliamo ribadire e rafforzare le ragioni della bocciatura del meccanismo di ripartizione delle risorse tra i Comuni italiani, che va in particolare a penalizzare quelli che in passato hanno contenuto la spesa (come i nostri) in favore di coloro che hanno sprecato".

Capofila dei Comuni trevigiani è il Comune di Conegliano, la più penalizzato tra le amministrazioni municipali trevigiane: nel 2015, su 3,9 milioni di euro di Imu versati al Fondo di Solidarietà nazionale, ha recuperato sotto forma di trasferimenti statali appena 162 mila euro. "La ripartizione del Fondo di Solidarietà è un meccanismo sperequato e iniquo perché i soldi non vanno ai Comuni che oggi hanno più bisogno ma a quelli che, storicamente, sono stati meno virtuosi nella spesa pubblica – afferma il sindaco Floriano Zambon -. È un problema non di oggi ma che risale ai decreti Stammati degli anni Settanta. Io sono convinto che lo Stato non debba mettere mano nella tassazione locale e che il gettito Imu, imposta locale, debba rimanere nei rispettivi territori. In questo il Tar del Lazio ci ha dato ragione. Ora che lo Stato ha fatto ricorso, noi proseguiremo la nostra battaglia con la finalità di affermare la pari dignità dei nostri cittadini".

Incaricato di proseguire la battaglia legale per conto dei Comuni è stato l’avvocato Luca Antonini, che già aveva curato il ricorso al Tar. Le spese legali saranno ripartite in modo proporzionale tra i 44 Comuni ricorrenti. Ad anticipare il costo della causa – circa 43 mila euro – è stato il Comune di Conegliano, in quanto capofila, come precisa l'amministrazione coneglianese a scanso di "polemiche da campagna elettorale".

"I Comuni devono avere la certezza delle risorse assegnate e quindi lo Stato non può violare i termini stabiliti dalla legge – afferma l’avvocato Antonini –. La sentenza del Tar del Lazio è stata significativa perché ha rappresentato un’importante vittoria per i Comuni virtuosi, che hanno combattuto gli sprechi e a cui le risorse servono per fare opere pubbliche e dare servizi ai cittadini. Continueremo la battaglia per ribadire il valore di alcuni principi fondamentali che permettono alle Autonomie virtuose di esercitare al meglio la loro funzione pubblica".