Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/220: BROOKS KOEPKA FA IL BIS ALL'US OPEN

Il terribile campo di Shinnecock Hills fa strage di big


TREVISO - Risale al 1891 la storia di questo percorso che nasce a 12 buche, alle porte di New York. Seguirono le altre 6 nel 1895, poi subì modifiche nel 1920, per essere completato nel 1931. Oggi il percorso è un par 70 di ben 6.808 metri. Da sempre considerato tra i più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Martedì 1 agosto ore 21.00 nel Giardino del Teatro Accademico di Castelfranco

ANNA DE FRANCESCHI PORTA IN SCENA LA PASSION PREDOMINANTE

Un viaggio a ritroso nel tempo dedicato alle donne nella Commedia dell'Arte


CASTELFRANCO VENETO - Va in scena domani, martedì 1 agosto, alle ore 21.00 nella splendida cornice del Giardino del Teatro Accademico di Castelfranco Veneto La Passion Predominante di Luca Scarlini con Anna de Franceschi.

Nel mondo del teatro, prima della nascita della Commedia dell’Arte, i personaggi femminili erano unicamente interpretati da uomini in abiti femminili, spesso ragazzi dalla voce ancora bianca. Solo a partire dal pieno ‘500, proprio grazie al successo che andava acquisendo la Commedia dell’Arte nelle piazze e nelle corti, le donne vennero ammesse a interpretare veri e propri ruoli.
La prima attrice donna ad esibirsi in spettacoli di Commedia dell’Arte di cui si ha notizia è tal Lucrezia da Siena. Si trattava probabilmente di una cortigiana di alto livello, un personaggio di elevata cultura in grado di comporre versi e di suonare strumenti. Del resto il nascente show business divenne un ambito congeniale per poter mettere a frutto il talento di donne all’epoca straordinariamente “emancipate”, destinate a divenire autentiche professioniste dello spettacolo.

Soltanto alla fine del XVI secolo le donne avrebbero però preso posto a pieno titolo nelle compagnie teatrali. La più famosa di tutte fu Isabella Andreini Canali (Padova 1562 - Lione 1604) alla cui straordinaria carriera molte cronache dell’epoca sono dedicate. E’ lei una delle donne senza paura, e dotate di molto talento, ad aver scelto di guardare il mondo come un grande e unico palcoscenico. A queste donne coraggiose è dedicata una serata evento che porta lo spettatore in un viaggio a ritroso nel tempo: dalla metà del ‘500 all’epoca di Carlo Goldoni e Carlo Gozzi, toccando il ‘900 di Malipiero, Vachtangov e Majerdhol’d e citando il divertente romanzo “La commediante veneziana” di Raffaele Calzini.
Un evento inserito nel ricco cartellone di Operaestate Festival Veneto, in collaborazione con il Comune di Castelfranco Veneto e con il sostegno delle aziende partner del festival.

Una serata per scoprire, nelle parole di un grande drammaturgo e narratore, e nella recitazione di un’ipnotica e coinvolgente attrice, quale sia questa Passion Predominante.