Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Controlli a tappeto a S. Andrea: scattano i Daspo urbani

INDIVIDUATO IN DIRETTA MENTRE SOTTERRA LA DROGA

Pakistano sopreso dalla Polizia locale grazie alle telecamere


TREVISO - Nasconde la droga sotto un albero: la Poliza Locale lo segue in diretta e sequestra 20 grammi di stupefacente. Brillante operazione della Poliza Locale di Treviso guidata dal comandante Tondato Maurizio. Martedì intorno alle 15.30 gli operatori della Centrale operativa, monitorando il territorio del centro storico, focalizzavano la loro attenzione su un gruppo di ragazzi seduti sulla gradinata dei giardini Sant'Andrea. Notavano che uno di questi, con fare sospetto, si allontanava dal gruppo e sotterrava vicino un albero posto nei pressi della fontana un sacchetto. Veniva immediatamente allertata la squadra cinofila che, giunta sul posto con il cane Hitch, coadiuvata dalla pattuglia del centro storico che vigila la zona: gli agenti hanno così individuato un sacchetto con la sostanza stupefacente, nascosto sottoterra.
Il soggetto, un cittadino pakistano, nel frattempo fermato, è stato poi accompagnato in comando per i necessari accertamenti di rito e per la contestazione delle violazione al Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti. Oltre al sequestro della sostanza, ha ricevuto anche l’ordine di allontanamento dalla zona, il cosiddetto "Daspo urbano"
"Da evidenziare come il costante controllo del territorio, operato dalla locale anche a mezzo dei sistemi di videosorveglianza urbana, assicura elevati standard di sicurezza a tutti i livelli", spiegano i vertici della Municipale.
L'attività della Polizia Locale è proseguita poi con un intervento in Via Fiumicelli, dove alcuni cittadini comunitari, senza fissa dimora, in stato di ubbriachezza, mendicando in maniera molesta, avevano creato una situazione di disagio. Uno di loro è stato denunciato per essere stato trovato in possesso di strumenti atti ad offendere: a tutti è stato applicato il Daspo urbano. Infine un altro cittadino extracomunitario, identificato sempre ai giardini di Sant'Andrea è stato sanzionato per ubbriachezza molesta: medesimo provvedimento restrittivo anche nei suoi confronti.
La giornata della Polizia locale era iniziata la mattina molto presto, con un intervento in autostazione delle corriere, dove una cittadina nigeriana si rifiutava di consegnare i documenti ad un controllore. Alla vista degli agenti la donna ha dato in escandescenze, aggredendo un agente, spuntando, colpendolo con pugni e graffiandolo al collo. E' stata denunciata a piede libero per resistenza e lesioni.
“Ringrazio gli agenti del lavoro svolto e della continua presenza in città – dichiara il sindaco di Treviso Giovanni Manildo – Un’attività incessante che talvolta espone gli agenti a rischi anche molto elevati. Come dimostrano queste operazioni, condotte in zone della città dove l’attenzione è massima, il ‘daspo urbano’ viene utilizzato come strumento di allontanamento che può trasformarsi in un provvedimento ancora più duro nel caso in cui il reato venga reiterato. Il daspo non ha la pretesa di esaurire la questione della micro-criminalità, ma da quando è stato introdotto ha già portato all’allontamento di persone che si sono rese protagoniste di atti contrari al vivere civile. I casi che vedono l’applicazione del daspo urbano non vanno confusi con la marginalità sociale. I nostri uffici conoscono bene quali siano le reali situazioni di disagio nella nostra città e da sempre lavorano per aiutare quanti abbiano realmente bisogno e aggiungerei diritto. Il daspo, per chi compie un reato rappresenta un primo avvertimento e un monito a non rendersi nuovamente protagonista di reati: il rischio per costoro è di finire in Questura e vedersi destinarsi di un foglio di via”.