Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/309: NEL "BARRACUDA", A MORDERE ╚ L'AMERICANO MORIKAWA

Il torneo in Nevada uno degli ultimi giocati prima dello stop


RENO (USA) - Il torneo ha avuto luogo in un momento in cui i big mondiali erano impegnati a Memphis, nel Tennessee, ad affrontarsi nel WGC-FedEx St. Jude, mentre gli appassionati di Golf erano attratti a seguire questo campionato, il Barracuda, ufficialmente denominato Reno-Tahoe Open. Si tratta di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ricavati 40 posti letto in 23 camere singole o doppie

PI┘ COMFORT E TECNOLOGIE, ECCO LA NUOVA GERIATRIA DI CONEGLIANO

Il governatore Zaia inaugura il reparto rinnovato


CONEGLIANO - E' stata inaugurata la “nuova” unità operativa di geriatria dell’ospedale di Conegliano. A tagliare il nastro, il presidente della Regione, Luca Zaia.
Il reparto, attualmente collocato al secondo piano, ala est, del Santa Maria dei Battuti, andrà ad occupare i rinnovati locali situati al IV piano, sempre nell’ala est. Nel nuovo reparto, distribuito su un’area di 1.600 metri quadrati, sono stati ricavati 40 posti letto, suddivisi in sei camere singole, ciascuna con una superficie di 12 metri quadri, e 17 doppie, da 18 metri. Tutte le camere, dotate di servizi igienici, sono state studiate in modo da garantire un’elevata qualità ambientale e un alto livello di umanizzazione. Oltre alle camere di degenza, nel nuovo reparto sono stati ricavati due studi medici, un ambulatorio infermieristico e alcuni locali tecnici.
Il trasferimento della Geriatria nella nuova sede, in programma la prossima settimana, permetterà di ottenere significativi miglioramenti dal punto di vista sia strutturale che funzionale. Tra gli obiettivi dell’intervento di ristrutturazione di cui è stata oggetto l’ala est del IV piano dell'ospedale, vanno ricordati anche il miglioramento del comfort e l’umanizzazione degli spazi, mediante l’utilizzo di finiture, colori, arredi, volti a ricreare un ambiente familiare e accogliente. Particolare attenzione è stata posta alla privacy dei pazienti. Per garantire la migliore comodità, l'unità operativa è stata dotata di un impianto di aereazione all’avanguardia e di un impianto di condizionamento con possibilità di modificazione autonoma della temperatura in tutte le stanze. Grazie a una soluzione innovativa, tra le prime a livello sia regionale che nazionale, la temperatura di ogni stanza e l’impianto di illuminazione potranno essere controllati e regolati anche da remoto, tramite tablet, pc o smartphone.
La spesa complessiva per la ristrutturazione dell’ala che accoglierà la geriatria è stata di 1.780.000 euro, cui vanno aggiunti i 330.000 per l’adeguamento sismico, per un totale di 2.110.000 euro.
Nell’ala attualmente occupata dalla Geriatria, al secondo piano, troverà posto l’Ospedale di comunità, con 25 posti letto e la nuova sede della Procreazione medicalmente assistita.
L’umanizzazione delle geriatrie, reparti che ospitano “i nostri anziani, coloro che hanno costruito il Veneto migliore”, è una delle priorità che il presidente Zaia ha indicato ai Direttori Generali per il 2018. Quello relativo all’unità operativa dell’ospedale di Conegliano è il secondo intervento messo in programma dal direttore generale, Francesco Benazzi, nell’ambito dei presidi sanitari dell’Ulss 2: lo scorso 2 gennaio, infatti, erano stati inaugurati, a Treviso, i rinnovati locali della geriatria dell’ospedale Ca’ Foncello.