Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

50 persone per il centenario della fine del conflitto

DELEGAZIONE DI FARRA IN AUSTRIA PER LA GRANDE GUERRA

Mazzo di fiori in onore di un giovane caduto


FARRA DI SOLIGO - Per commemorare il centenario della fine delle guerra 1915/18, una delegazione di oltre cinquanta persone, guidata da Don Brunone De Toffol parroco di Farra di Soligo, ha ricambiato nei giorni scorsi la visita agli amici austriaci di Obdach in Austria, avvenuta lo scorso anno in occasione dell’inaugurazione della “Campana della Pace” che fa bella mostra di sè in cima alla torre campanaria, adiacente alla storica e secolare “Chiesetta dei Broi” a Farra di Soligo. “Una cosa commovente tiene a ribadire Don Brunone, l’accoglienza ricevuta dai nostri amici austriaci, un segno di buona amicizia che durerà sicuramente anche nel tempo a venire", affermazione condivisa anche dal sindaco della cittadina austriaca Peter Kostenberger, da un ex colonnello della croce nera austriaca Dieter Allesch e da molti ex militari presenti, i quali durante la cerimonia, hanno sfilato indossando delle caratteristiche divise storiche dell’armata austriaca. Per l’occasione, la delegazione italiana, ha voluto commemorare depositando un mazzo di fiori sulla tomba del militare austriaco, Franz Schlager, nato proprio a Obadach nel lontano 1888 e morto nel 1917 alla giovane età di 29 anni, nell’ospedale militare delle “Vecchie Filande” di Farra, insieme ad altri 110 suoi compagni.

Galleria fotograficaGalleria fotografica