Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'uomo accusato di far parte di una gang di africani

ESTORSIONI E PESTAGGI, ARRESTATO NIGERIANO

Era considerato una sorta di santone con poteri curativi


TREVISO. Era considerato dai connazionali una sorta di santone con poteri di cura. E Per questo un 42 enne nigeriano residente nella Marca è stato denunciato per esercizio abusivo della professione medica. Non solo: l'uomo è stato arrestato dalla squadra mobile trevigiana su ordine della procura di Torino. Assieme ad alcuni connazionali aveva costituito un sodalizio criminale chiamato "Eiye" e con loro è accusato di risse, pestaggi ed estorsioni per il predominio all'interno della comunità nigeriana. Il sodalizio criminale controllava infatti il mercato dell'immigrazione clandestina e quello della prostituzione. Il tribunale piemontese ha spiccato altri 14 mandati di arresto sempre a carico di esponenti della criminalità nigeriana.