Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/340: L'AUGUSTA MASTERS INCORONA DUSTIN JOHNSON

Insolita collocazione autunnale per l'ultimo major


AUGUSTA - Un Masters Tournament insolito, giocato a metà novembre anziché ad aprile, non primo, ultimo major. L’autunno propone tutt’altra scenografia rispetto al clima primaverile quando l’Augusta in Georgia ama fare sfoggio di un mare di fiori: distese di...continua

Attualità
PILLOLE DI GOLF/339: FRANCESCO MOLINARI, AL RIETRO, È 15° A HOUSTON

Carlos Ortiz regala al Messico un successo dopo 40 anni


HOUSTON (USA) - Francesco Molinari è tornato in campo per partecipare al Vivint Houston Open, torneo del PGA Tour in programma sul par 70 del Memorial Park Golf Course di Houston in Texas. Qualcuno lo definisce “la gara dei grandi ritorni”. Tra i più attesi, oltre a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/338: ALL'ASOLO GOLF IL TROFEO CA' DEL POGGIO

Evento tra sport, musica e convilità, con star Mal dei Primitives


SAN PIETRO DI FELETTO - Una partita di Golf coronata da una gustosissima serata. Centoquattro hanno partecipato alla gara: musicisti, cantanti o semplicemente amanti della musica, al seguito di Paul Bradley Couling, in arte Mal dei Primitives. Era la tappa finale del Challenge AICMG,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Al via la tre giorni all'insegna del buon cibo

IL RADICCHIO INVADE LA PIAZZA

Quasi 2 milioni i chili prodotti nelle tre varietà


TREVISO. “I trevigiani quanto conoscono il Radicchio di Treviso?” Inizia con questa provocazione il discorso inaugurale di Andrea Tosatto, Presidente del Consorzio di tutela del Radicchio rosso di Treviso che ha tagliato il nastro della 111^ Antica Mostra del radicchio Rosso. Ad intervenire anche Il Sindaco Mario Conte “Sogno di vedere Piazza Borsa piena di Radicchio, invito il Consorzio a invadere la Piazza per il prossimo anno per far capire come nasce un eccellenza. Il Radicchio è simbolo di trevigianità perchè nasconde un lavoro incredibile e tutti i trevigiani devono essere ambasciatori di questa coltura”. Un plauso al Consorzio anche dal Presidente della Camera di Commercio Mario Pozza “Siamo orgogliosi di ospitare un evento di questo rilievo. L'impegno dei produttori deve essere trasformato in valorizzazione.” “Produrre Radicchio IGP è una scelta che rispetta prima di tutto un territorio – prosegue Tosatto - il bollino IGP è l'unico segno distintivo che identifica una produzione a regola d'arte e un lavoro meticoloso nella produzione ” parole che si accodano a quelle del Pres. Luca Zaia che nella lettera inviata sottolinea l'importanza delle produzioni tipiche ““In un mondo sempre più proteso alla standardizzazione del gusto è importante mantenere saldo quell’autentico legame con il nostro territorio valorizzando, così, il lavoro dei nostri bravi coltivatori che con ingegno e passione portano la qualità sulle nostre tavole.“

Una festa della città che vuole prima di tutto educare il consumatore. Un messaggio chiaro che diventa concreto grazie all'allestimento che in Piazza ripropone una porzione di campo e una vasca di imbianchimento dove i produttori, soci del Consorzio, a rotazione spiegano ai visitatori quali sono le fasi di lavorazione del fiore che si mangia. Una produzione lunghissima che parte prima dell'estate, che per 5 mesi cresce in campo fino alle prime gelate per essere poi raccolta, messa in imbianchimento per 10/12 giorni e successivamente tolettata (a mano) prima di essere pronta per la vendita al consumatore.

Una specialità quella tardiva IGP amata ed invidiata in tutto il mondo ma prodotta unicamente nella campagne idi 24 comuni compresi tra le province di Treviso, Padova e Venezia. Quasi 2 milioni i chili prodotti nelle 3 varietà IGP protette Tardivo Precoce e Variegato di Castelfranco. Varietà da preservare e tutelare da frodi e imitazioni e, se da una parte il Consorzio lavora anno dopo anno per la salvaguardia della denominazione (già tutelata Svizzera, Federazione russa, Australia e UE), dell'altra i produttori sono impegnati nel preservare e migliorare la selezione varietale della materia prima con la finalità di restituire un prodotto sempre più perfetto.

Un'antica mostra che conferma la formula vincente degli ultimi anni e si rinnova grazie alla collaborazione con la Camera di Commercio, che ospita l'evento, e alla sinergia con il Comune di Treviso e l'Associazione Assocuochi Treviso per la tre giorni ha pensato ad un'alternanza di cooking show con i gradi chef della cucina trevigiana. Una festa delle eccellenze dove anche i più piccoli saranno coinvolti grazie ai Baby laboratori di Tiramisù (uno al giorno) organizzati da Lady Chef. A far da cornice all'evento tante aziende del territorio che fanno del radicchio un valore aggiunto come la birra, le caciotte e poi composte, aceti, amari, prodotti da forno e tante specialità tipiche come la Pasta fagioli e radicchio e il risotto.