Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

UNIS&F supporta un centinaio di imprese nell’applicazione della normativa contro i “reati aziendali”

LEGGE 231, PRIMO PRESIDIO CONTRO LE INFILTRAZIONI CRIMINOSE

La presidente Carraro: "Imprese in grandissima parte sane"


Sabrina Carraro, Presidente di Unis&f Treviso e Pordenone TREVISO La Piovra allunga i suoi tentacoli sulle aziende venete. Dalla camorra alla ‘ndrangheta, le recenti inchieste giudiziarie hanno messo in luce come la criminalità organizzata sia ormai radicata anche nel Nordest. E come il primo obiettivo delle cosche sia inserirsi nel tessuto economico. Diventa dunque fondamentale per le imprese mettere in atto meccanismi di tutela e di difesa.
In questo senso, la cosiddetta legge 231, e il modello organizzativo da essa previsto, possono favorire un controllo sia diretto che indiretto.
UNIS&F, la società di servizi e formazione del Sistema Confindustria che opera nelle province di Treviso e Pordenone, da tempo si è specializzata nel supportare le aziende nell’applicazione di questa normativa: “La 231 - spiega Pasquale Costanzo, che si occupa della materia per la società confindustriale – di fatto realizza una mappatura aziendale, aiutando così a evidenziare eventuali aree grigie all’interno dell’organizzazione, in cui si possono insinuare fenomeni illeciti, ma, al tempo stesso, pone l’attenzione anche su stakeholders, partner e fornitori dell’impresa, nonché sui nuovi soci che entrano nel capitale e può dunque contribuire a evitare intromissioni poco chiare”.
Il decreto legislativo 231/2001 individua una gamma di reati commessi da chi agisce per conto di una società e ne estende la responsabilità dalla persona fisica alla persona giuridica (cioè alla società stessa). Per evitare che ciò avvenga, è necessario implementare una serie di procedure, tra cui un modello organizzativo, un codice e un organismo di vigilanza.
UNIS&F, attualmente, cura la predisposizione e la gestione di questi processi per un centinaio tra imprese ed enti. “Il trend è in crescita - continua l’esperto -, nel recente passato se ne dotava soprattutto chi lavorava con la Pubblica Amministrazione, mentre ora la sensibilità si sta diffondendo soprattutto tra le medie aziende di svariati settori”.
L’ente è anche una delle poche realtà formative in Italia a poter vantare il “rating di legalità” (con un punteggio di due stelle +, su un massimo di tre). Si tratta di una certificazione assegnata dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato a imprese o organizzazioni che dimostrino di operare nel rispetto di elevati standard di legalità e trasparenza.
“Il tessuto socio-economico locale continua a essere in larghissima parte sano - sottolinea Sabrina Carraro, presidente di UNIS&F - ma le recenti inchieste della magistratura e delle forze dell’ordine dimostrano che non si può abbassare la guardia. La prevenzione contro pericolose infiltrazioni deve partire proprio da ogni singola impresa e l’adozione di modalità operative come quelle prescritte dalla legge 231, rappresenta un chiaro segnale in questa direzione”.