Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

UNIS&F supporta un centinaio di imprese nell’applicazione della normativa contro i “reati aziendali”

LEGGE 231, PRIMO PRESIDIO CONTRO LE INFILTRAZIONI CRIMINOSE

La presidente Carraro: "Imprese in grandissima parte sane"


Sabrina Carraro, Presidente di Unis&f Treviso e Pordenone TREVISO La Piovra allunga i suoi tentacoli sulle aziende venete. Dalla camorra alla ‘ndrangheta, le recenti inchieste giudiziarie hanno messo in luce come la criminalità organizzata sia ormai radicata anche nel Nordest. E come il primo obiettivo delle cosche sia inserirsi nel tessuto economico. Diventa dunque fondamentale per le imprese mettere in atto meccanismi di tutela e di difesa.
In questo senso, la cosiddetta legge 231, e il modello organizzativo da essa previsto, possono favorire un controllo sia diretto che indiretto.
UNIS&F, la società di servizi e formazione del Sistema Confindustria che opera nelle province di Treviso e Pordenone, da tempo si è specializzata nel supportare le aziende nell’applicazione di questa normativa: “La 231 - spiega Pasquale Costanzo, che si occupa della materia per la società confindustriale – di fatto realizza una mappatura aziendale, aiutando così a evidenziare eventuali aree grigie all’interno dell’organizzazione, in cui si possono insinuare fenomeni illeciti, ma, al tempo stesso, pone l’attenzione anche su stakeholders, partner e fornitori dell’impresa, nonché sui nuovi soci che entrano nel capitale e può dunque contribuire a evitare intromissioni poco chiare”.
Il decreto legislativo 231/2001 individua una gamma di reati commessi da chi agisce per conto di una società e ne estende la responsabilità dalla persona fisica alla persona giuridica (cioè alla società stessa). Per evitare che ciò avvenga, è necessario implementare una serie di procedure, tra cui un modello organizzativo, un codice e un organismo di vigilanza.
UNIS&F, attualmente, cura la predisposizione e la gestione di questi processi per un centinaio tra imprese ed enti. “Il trend è in crescita - continua l’esperto -, nel recente passato se ne dotava soprattutto chi lavorava con la Pubblica Amministrazione, mentre ora la sensibilità si sta diffondendo soprattutto tra le medie aziende di svariati settori”.
L’ente è anche una delle poche realtà formative in Italia a poter vantare il “rating di legalità” (con un punteggio di due stelle +, su un massimo di tre). Si tratta di una certificazione assegnata dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato a imprese o organizzazioni che dimostrino di operare nel rispetto di elevati standard di legalità e trasparenza.
“Il tessuto socio-economico locale continua a essere in larghissima parte sano - sottolinea Sabrina Carraro, presidente di UNIS&F - ma le recenti inchieste della magistratura e delle forze dell’ordine dimostrano che non si può abbassare la guardia. La prevenzione contro pericolose infiltrazioni deve partire proprio da ogni singola impresa e l’adozione di modalità operative come quelle prescritte dalla legge 231, rappresenta un chiaro segnale in questa direzione”.