Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

UNIS&F supporta un centinaio di imprese nell’applicazione della normativa contro i “reati aziendali”

LEGGE 231, PRIMO PRESIDIO CONTRO LE INFILTRAZIONI CRIMINOSE

La presidente Carraro: "Imprese in grandissima parte sane"


Sabrina Carraro, Presidente di Unis&f Treviso e Pordenone TREVISO La Piovra allunga i suoi tentacoli sulle aziende venete. Dalla camorra alla ‘ndrangheta, le recenti inchieste giudiziarie hanno messo in luce come la criminalità organizzata sia ormai radicata anche nel Nordest. E come il primo obiettivo delle cosche sia inserirsi nel tessuto economico. Diventa dunque fondamentale per le imprese mettere in atto meccanismi di tutela e di difesa.
In questo senso, la cosiddetta legge 231, e il modello organizzativo da essa previsto, possono favorire un controllo sia diretto che indiretto.
UNIS&F, la società di servizi e formazione del Sistema Confindustria che opera nelle province di Treviso e Pordenone, da tempo si è specializzata nel supportare le aziende nell’applicazione di questa normativa: “La 231 - spiega Pasquale Costanzo, che si occupa della materia per la società confindustriale – di fatto realizza una mappatura aziendale, aiutando così a evidenziare eventuali aree grigie all’interno dell’organizzazione, in cui si possono insinuare fenomeni illeciti, ma, al tempo stesso, pone l’attenzione anche su stakeholders, partner e fornitori dell’impresa, nonché sui nuovi soci che entrano nel capitale e può dunque contribuire a evitare intromissioni poco chiare”.
Il decreto legislativo 231/2001 individua una gamma di reati commessi da chi agisce per conto di una società e ne estende la responsabilità dalla persona fisica alla persona giuridica (cioè alla società stessa). Per evitare che ciò avvenga, è necessario implementare una serie di procedure, tra cui un modello organizzativo, un codice e un organismo di vigilanza.
UNIS&F, attualmente, cura la predisposizione e la gestione di questi processi per un centinaio tra imprese ed enti. “Il trend è in crescita - continua l’esperto -, nel recente passato se ne dotava soprattutto chi lavorava con la Pubblica Amministrazione, mentre ora la sensibilità si sta diffondendo soprattutto tra le medie aziende di svariati settori”.
L’ente è anche una delle poche realtà formative in Italia a poter vantare il “rating di legalità” (con un punteggio di due stelle +, su un massimo di tre). Si tratta di una certificazione assegnata dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato a imprese o organizzazioni che dimostrino di operare nel rispetto di elevati standard di legalità e trasparenza.
“Il tessuto socio-economico locale continua a essere in larghissima parte sano - sottolinea Sabrina Carraro, presidente di UNIS&F - ma le recenti inchieste della magistratura e delle forze dell’ordine dimostrano che non si può abbassare la guardia. La prevenzione contro pericolose infiltrazioni deve partire proprio da ogni singola impresa e l’adozione di modalità operative come quelle prescritte dalla legge 231, rappresenta un chiaro segnale in questa direzione”.