Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'azienda trevigiana al lavoro anche in Camerum e sulla "casa" dell'Atalanta

I GRANDI STADI NEL MONDO HANNO UN CUORE MADE IN TREVISO

La Maeg di Vazzola ha costruito l'Al Wrakah in Qatar


VAZZOLA - Una navicella in mezzo al deserto. O una grande vela: in effetti il nuovo stadio Al Wakrah, di Doha, in Qatar, è ispirato alle vele delle Dau, tipiche imbarcazioni del Golfo Persico. E’ uno degli impianti costruiti per i Mondiali di L'Al Wrakah: una "vela" per i Mondiali 2022 in Qatarcalcio 2022 ospitati dell’emirato del Golfo. Progettato dall’archistar Zaha Hadid, poco prima della sua prematura morte, a costruirlo è la Maeg, azienda di Vazzola specializzata in costruzioni metalliche di grandi opere.
L’Al Wakrah verrà inaugurato ufficialmente giovedì prossimo, con la finale dell’Amir Cup 2019: 40 mila posti a sedere, 7.500 tonnellate di acciaio utilizzato, rappresenta una commessa da 39,7 milioni di euro per l’azienda trevigiana (ma il costo complessivo supera i 500 milioni). “Si tratta di un’opera particolare  - spiega Alfeo Ortolan - anzitutto nella forma, perché Al Wakrah si ispira alla vela delle tipiche imbarcazioni Dau, ancora utilizzate per attraversare il Golfo Persico, e poi per la tecnologia: le condizioni ambientali richiedono infatti che durante le manifestazioni sportive l’impianto sia chiuso e l’aria venga raffrescata”.
Gioiello tecnologico, il tetto si può chiudere completamente ed è dotato di un super impianto di condizionamento dell’aria: misure indispensabili viste le condizioni climatiche del posto con temperature anche di 40 gradi e un tasso di umidità elevatissimo. Tanto che per costruirlo, tecnici e operai Maeg hanno dovuto lavorare quasi esclusivamente di notte, come spiega il presidente Alfeo Ortolan.
Ma non è l’unico impianto d’avanguardia ad avere un cuore “made in Trevio”. Alfeo Ortolan, presidente di MaegL’impresa di Vazzola firma anche lo stadio di Yaundè, in Camerum da 65mila posti: “Questo impianto ha una tipologia a tensostruttura, una metodologia che impiega cavi e tiranti pretensionati - sottolinea ancora l'imprenditore trevigiano - una soluzione che abbiamo proposto anche per altri stadi europei”. L’esterno sarà rivestito da scagliein pvc con i colori della nazionale e il complesso comprende anche un centro commerciale, un hotel, palestre e piscine. Un'operazione che vale circa 40 milioni di euro per l'impresa di Vazzola. In questi giorni, poi, sta iniziando la demolizione dello stadio Atleti azzurri d’Italia a Bergamo, la casa dell’Atalanta. Maeg, che si è aggiudicata l'appalto da 9,5 milioni, realizzerà la nuova tribuna in tempo per l’inizio del prossimo campionato, per poi completare nei due anni successivi, la curva sud e le due tribune centrali. E l’industria trevigiana è in corsa anche per partecipare al rifacimento del Camp Nou di Barcellona.
Controllata totalmente dalla famiglia Ortolan (oltre al patron e alla moglie, in azienda anche tre dei quattro figli), 900 addetti, distribuiti in cinque stabilimenti tra Veneto e Friuli, 65mila tonnellate di acciaio lavorate all’anno, Maeg ha fatturato 118,6 milioni nel 2017 con un utile netto di 5,2 milioni (il bilancio del 2018, chiuso tra breve, è previsto in linea) e ha 200 milioni di commesse già in portafoglio. Il 70% dell’attività è all’estero.


Ecco la nuova casa dell'Atalanta