Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/267: OTTO AZZURRI AL BRITISH MASTERS

Il titolo, primo in carriera, va però allo svedese Kinhult


SOUTHPORT (GB) - È uno dei tornei di più lunga tradizione nel calendario, il Betfred British Masters, che si gioca sul percorso dell’Hillside Golf Club, a Southport, bella località sulla costa occidentale della Gran Bretagna. Sono ben otto i giocatori italiani in gara:...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/266: MANDARE IN BUCA GLI OSTACOLI DELLA VITA

A Sala Baganza, l'open internazionale per disabili


PARMA - Giunto ormai alla 19esima edizione, si è giocato a Parma, nel bel campo da golf del Ducato di Sala Baganza, il torneo internazionale per golfisti paralimpici. Il campo è un parkland, inserito nel Podere d’Ombriano, già antica residenza di caccia dei Duchi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/265: KOEPKA FA SUO IL SECONDO MAJOR DI STAGIONE

Disputato per la prima volta a maggio, il Championship regala spettacolo


FARMINGDALE (USA) - Il secondo major, il Championship, giunto alla 101ª edizione, ha luogo per la prima volta a Farmingdale, nel Long Island, stato di New York, sul difficile percorso del Bethpage Black Course (par 70), che sarà sede della Ryder Cup 2024. È la prima volta che si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Zaia: "Trovata la soluzione per completare il tracciato"

TERRAGLIO EST, VIA LIBERA DELLA REGIONE

Sarà un tratto lungo 3,3 chilometri


VENEZIA. “Completiamo il Terraglio Est: avevamo garantito che sarebbe stata una nostra priorità e abbiamo rispettato l’impegno, individuando una soluzione realizzativa che consente di superare le residue perplessità sull’utilità dell’opera e sui benefici che la stessa assicurerà ai trevigiani, alla mobilità nel territorio, a quanti vivono in un’area oggi assediata da un traffico inquinante e disordinato”.

È il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, ad annunciare che il secondo stralcio del Terraglio Est è ormai una realtà, grazie all’accordo trovato oggi su un progetto preliminare che prevede la realizzazione di un sottopasso a San’Antonino al posto del tunnel originariamente previsto, il cui costo eccessivo ha sino a oggi determinato una lunga fase di stallo, “dalla quale – sottolinea Zaia – finalmente usciamo, mettendoci alle spalle contrapposizioni e critiche strumentali inutili e dannose, grazie al lavoro di approfondimento e di ricerca delle migliori intese progettuali svolto dall’assessore regionale Elisa De Berti, dai sindaci e dalle amministrazioni comunali di Treviso, Casier, Silea, Preganziol e da Veneto Strade e dalla Provincia di Treviso”.

Il Terraglio Est è tra le opere previste da un protocollo d’intesa sottoscritto nel 2004 tra la Regione del Veneto, il Commissario Governativo per le Opere Strategiche del Triveneto, la Provincia di Treviso, la Provincia (ora Città Metropolitana) di Venezia di Venezia) e i Comuni territorialmente coinvolti. Solo a livello di progettazione preliminare, approvata nel 2008, è stato preso in considerazione l’intero tracciato di circa 6,4 km, mentre le successive fasi definitiva ed esecutiva hanno riguardato solamente stralci o lotti progettuali. Ad oggi è stata realizzata solo il tratto a sud, che corrisponde a meno del 50% dell’intero tracciato originale, a cui si somma la realizzazione di una rotatoria all’incrocio tra Viale Industrie e la S.P. 104 (Via Peschiere).

Nel quarto incontro del tavolo tecnico, svoltosi oggi alla presenza di tutti i soggetti istituzionali interessati, sono state ulteriormente illustrate le attività di analisi dei flussi di traffico e le possibili soluzioni viabilistiche, accompagnate da valutazioni economiche, al fine di pervenire all’individuazione di un’ipotesi progettuale condivisa e dai costi contenuti.

L’intero Terraglio Est si svilupperà per circa 3.300 mt. complessivi e comprende un tratto da realizzare in adeguamento tra le rotatorie su Via Alta e su Via Peschiere di circa 700/750 mt., e uno da realizzare (sia in adeguamento, sia su nuova sede), tra la rotatoria su Via Peschiere e la S.R. 53 Postumia (Rotatoria dell’Ospedale) per un estensione di circa 2.600 mt.

L’intervento, inoltre, prevede il riassetto della rotatoria all’incrocio tra Viale delle Industrie e Via della Liberazione, la realizzazione di un sottopasso all’incrocio con una strada vicinale e la realizzazione di un sottopasso in località S. Antonino. Tale delivellamento non consente la commistione tra i flussi di traffico transitanti lungo il Terraglio Est con quelli locali evitando un sovraccarico delle arterie di quartiere. L’intero tracciato sarà costeggiato da un itinerario ciclabile in carreggiata unica a doppio senso di marcia posto al lato ovest (fatto salvo un distacco dal previsto parallelismo nel tratto a nord di via della Liberazione deviandolo verso l’esterno). La spesa per l’intero intervento è stata stimata in 18 milioni di euro, con un notevole abbattimento dei costi rispetto all’ipotesi che comprendeva la costruzione del tunnel di 80 metri a San’Antonino, per la quale era previsto un esborso di 40 milioni di euro.

“L’intero Terraglio Est – conclude Zaia – è stato progettato per alleggerire il traffico sul Terraglio, per consentire un collegamento con l’area industriale di Casier e per collegare il casello di Preganziol alla tangenziale sud di Treviso. Un’opera, dunque, che ha il merito di ridurre sensibilmente il traffico pesante dalle strade urbane e migliorare la qualità della vita dei residenti. Ora questo traguardo è più vicino”.