Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Morto in ospedale dopo 5 giorni di ricovero

LA PROCURA FA RIESUMARE IL CORPO

A Ceneda la riesumazione della salma di Renato Fava


VITTORIO VENETO - Questa mattina alle 9.30 presso il cimitero di Ceneda a Vittorio Veneto, ha avuto luogo la riesumazione della salma di Renato Fava, il 63enne di Vittorio Veneto, deceduto lo scorso 23 settembre all'ospedale di Conegliano dopo cinque giorni di ricovero.
Gli accertamenti dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Vittorio Veneto, scaturiti a seguito delle dichiarazioni delle sorelle del deceduto, hanno fatto emergere che Renato Fava, morto a seguito di emorragia cerebrale, presentava evidenti ecchimosi alla nuca, alla tempia sinistra e sulla fronte, nonché una frattura delle ossa nasali. Il sospetto è che Renato Fava, la sera del 19 settembre (il giorno prima del ricovero all'ospedale di Vittorio Veneto e del successivo trasferimento a Conegliano), all'esterno di un bar in località Sant'Andrea di Vittorio Veneto, sia stato vittima di un’aggressione che gli ha provocato le lesioni suddette. Per chiarire i dubbi e ricostruire gli ultimi istanti di vita precedenti al ricovero ospedaliero, il P.M. della Procura della Repubblica di Treviso, la dottoressa Gabriella Cama, ritenendo fondati gli interrogativi posti dai Carabinieri di Vittorio Veneto, ha disposto la riesumazione del corpo di Renato Fava ed ha affidato l’incarico per lo svolgimento dell’esame autoptico al medico legale Alberto Furlanetto di Treviso.