Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Perquisita la sua abitazione di Fossò

ARRESTATO L'IMPRENDITORE DELLE FESTE

A casa sua è stata trovata la "droga dello stupro"


PADOVA - E' stato arrestato dalla Squadra Mobile di Padova Vanni Fornasiero, l'imprenditore 59enne attivo nel settore del commercio di pelli, ma più noto come "l'imprenditore delle feste". L'uomo negli ultimi anni ha organizzato molti eventi in alcuni locali di Padova e Venezia e nella sua abitazione di Fossò è stato trovato un litro e mezzo di Gbl, cioè quella che viene chiamata "droga dello stupro".
Il re della movida è stato arrestato anche perché oltre al Gbl aveva in casa mefedrone, ecstasy e marijuana. L'inchiesta era partita nel 2016 con l'arresto di un giovane padovano che aveva adibito un camper, posteggiato nei pressi del Parco Iris a Padova, a laboratorio per la produzione della ketamina.
In tale vicenda vennero sequestrati quasi due chilogrammi di ketamina in cristalli e poco più di 43 mila euro in contanti.
In seguito a quell'operazione il filone d'indagine è proseguito fino ad arrivare a Vanni Fornasiero, che per mesi è stato seguito fino all'arresto odierno.
L'inchiesta è coordinata dal sostituto procuratore Benedetto Roberti della procura di Padova.