Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Progetto curato da Confartigianato insieme al gruppo Gli Alcuni

GLI ARTIGIANI SUL PALCO PER RACCONTARE IL PROPRIO MESTIERE

Gli spettacoli hanno coinvolto come spettatori 2.400 studenti delle scuole medie


TREVISO - Confartigianato Imprese Marca Trevigiana, in collaborazione con il gruppo teatrale Gli Alcuni, ha proposto alle scuole secondarie di I grado, l'iniziativa "Che spettacolo di mestiere", uno show che in modo inedito, curioso, intrigante promuove i mestieri artigiani, attraverso le testimonianze degli imprenditori che diventano per l'occasione attori.
Il tour è partito da Asolo agli inizi nel mese di ottobre, ha fatto tappa al teatro Toniolo di Conegliano, al teatro Binotto di Montebelluna, al teatro Cristallo di Oderzo, al Teatro Da Ponte di Vittorio Veneto, al teatro Sant’Anna di Treviso e si è concluso a metà dicembre Al centro culturale Don Ernesto Bordignon di Castelfranco .
Muovendo dal racconto dal vivo in prima persona portato da maestri artigiani soci, della propria attività imprenditoriale, dalle prime esperienze nel mondo del lavoro alla creazione e affermazione della propria imprese, il progetto "Che spettacolo di mestiere" aveva come fine quello rendere note agli alunni delle classi 2° e 3° delle scuole medie della provincia, le molteplici opportunità professionali che il mondo artigiano offre.
Un’occasione che è stata colta da oltre 2.400 studenti che hanno assistito e partecipato attivamente allo show, scoprendo le opportunità che le imprese artigiane riservano muovendo dalla condivisione della professionalità e del valore tecnico, economico e sociale insito nel mestiere. Un bagaglio di informazioni utili per la scelta che gli studenti dell’ultimo anno sono chiamati a fare per il loro futuro formativo e professionale agli inizi del 2020.
Il format è stato quello dello spettacolo teatrale basato sull’interazione tra attori e spettatori attraverso gag, video e quiz a tema e ha visto, a conclusione della piece, l'assegnazione di un tablet alla classe vincitrice. Sui palcoscenici dei teatri delle città si sono susseguiti i racconti delle storie imprenditoriali di Italo Bosa- ceramista, Federica Zorzetto- tappezziere, Antonio Padoan- mobiliere, Armando Sartori – carrozziere, Rosella Da Ros – produttrice di macchine agricole, Roberta Marcon – servizi di trasporto persone, Paolo Bassani – edile, Claudia Torresan - calzatura sportiva, Corrado Balliana – gioielliere, Marco e Mara Bellio – ristoratori, Flavio Romanello – antennista , Fabio Cervesato - acconciatore, Maurizio Cattapan -bruciatorista e Andrea Scapinello - impianti elettrici.
Un progetto che ha messo in relazione scuola e impresa in maniera dinamica e divertente, invitando i ragazzi a guardare al loro futuro e a scoprire le peculiarità dell’artigianato tra cui ingegno, capacità di innovare, creatività, abilità manuale, flessibilità oltre a una forte passione unita al coraggio di rischiare per trasformare in realtà una propria idea d’impresa. L’iniziativa rientra le molteplici azioni che Confartigianato Imprese Marca Trevigiana ha realizzato e sta attuando di concerto con le scuole, di vario ordine e grado, per facilitare la conoscenza del patrimonio imprenditoriale artigiano, presentandolo nella sua veste attuale con le sue dinamiche evolutive.

Galleria fotograficaGalleria fotografica