Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/325: NUOVI TALENTI AZZURRI IN LUCE AL CAMPIONATO NAZIONALE OPEN

Brindano il pro Giulio Castagnara e la dilettante Caterina Don


SUTRI (VT) - Nell’ambito del Progetto Ryder Cup, l’Italian Pro Tour mette in azione i protagonisti del golf, in un circuito di gare che coinvolge tutta la nazione da nord a sud.La più longeva gara italiana, a cui negli ultimi due giorni si attacca la relativa sezione femminile,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/324: RENATO PARATORE TRIONFA AL BRITISH MASTERS

Successo azzurro al primo dei tornei britannici dell'Eurotour


NEWCASTLE-UPON- TYNE (GB) - L’European Tour riprende il suo circuito con il Betfred British Masters, primo della serie dei sei tornei denominati “UK Swing”, programmati in Inghilterra e in Galles. I sei tornei, tutti a porte chiuse, terranno impegnati i migliori golfisti europei,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/323: IL FRANCESE STALTER VINCE L'EURAM BANK OPEN

Ancora in Austria il secondo torneo di Eurotour e Challenge


RAMSAU (AUSTRIA) - Ecco il secondo dei tornei organizzati in sintonia da European Tour e Challenge Tour, che hanno ripreso l’attività dopo quattro mesi di sospensione per l’emergenza coronavirus. L’Euram Bank segue dopo una settimana l’Austrian Open, oggetto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Archiviate le accuse di omicidio colposo per Paolo Manente

LA MOGLIE MORÌ SCHIANTANDOSI CONTRO IL MURO: COLPA DI UN GUASTO AL FRENO

Ex primario assolto per l'incidente costato la vita alla consorte


TREVISO - La Procura di Treviso ha archiviato l’inchiesta il cui era indagato per omicidio colposo il dottor Paolo Manente, ex primario di oncologia dell’ospedale castellano, in relazione alla morte della moglie, coinvolta in un incidente in auto ne settembre del 2018. La donna, Adriana Bertolo, 72 anni, era rimasta dentro l’auto del marito, in sosta in una discesa tra le colline di Guia, mentre il marito era sceso per dare un’occhiata ad una casa in vendita.
L’auto però, a causa della pendenza, aveva cominciato a scendere lungo la carreggiata via via sempre più veloce, per quasi due km, per poi finire addosso ad ad muro. La donna dentro l’auto aveva cercato di mantenere la vettura in strada e aveva provato a fermarsi tirando il freno a mano, ma senza risultato.
Il marito, che non si trovava nell'auto, era stato indagato per omicidio. A distanza di quasi due anni, l’uomo è stato assolto grazie ad una perizia sul freno a mano della Range Rover. Il guasto elettronico avrebbe reso inutile il freno, provocando la morte della signora. Il caso è quindi archiviato e le perizie hanno escluso qualsiasi responsabilità dell’ex primario.