Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si fa strada ipotesi di un gesto volontario

CADONO DALLA MOTONAVE, DUE SORELLE ANNEGANO IN LAGUNA DI VENEZIA

I corpi ritrovati senza vita nelle notte di martedì


VENEZIA - Cadute in acqua, probabilmente gettatesi di proposito. Due sorelle sono morte annegate, nella notte tra lunedì e martedì, nella laguna di Venezia. Le due donne, una di 39 e l'altra di 43 anni, di origini magrebine, erano salite sulla motonave "Guardi" dell'Actv, partita da Punta Sabbioni poco dopo la mezzanotte e diretta a San Zaccaria. Il comandante le ha notate, essendo le uniche passeggere, ma alla fermata  del Lido si è accorto che le due non erano più sul battello. Vicino a dove erano sedute, le scarpe e una bevanda consumata in parte.
Lanciato l'allarme, la motonave ha immediatamente invertito la rotta, mentre sono scattate le ricerche, con le imbarcazioni dalla Guardia costiera, dei Vigili del Fuoco e dei Carabinieri. Dopo circa due ore, i corpi delle due donne sono sorelle sono stati individuati, senza vita, dai Vigili del Fuoco sull’isola artificiale nei pressi della bocca di porto di Lido sulla sponda verso Treporti, vicino alle paratie del Mose.
La 39enne è stata identificata, grazie ai documenti che aveva con sè ed era in Italia grazie allo status di rifugiata. Ora gli inquirenti stanno ricostruendo la dinamica dell'accaduto. Si fa strada l'ipotesi del suicidio: le due erano occupate nel turismo e, a causa delle chiusure per l'emergenza coronavirus erano rimaste senza lavoro.