Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PI┘ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Scoperti, i ladri avevano restituito un indennizzo

DERUBATA DELLA FRUTTA, DONA IL RISARCIMENTO IN BENEFICENZA

"Il frutteto di Pal¨" devolve all'Ulss la somma recuperata


GODEGA SANT'URBANO - Anche da un episodio negativo come un furto, può nascere un gesto di solidarietà. L’azienda agricola “Il frutteto del Palù”, che nelle campagne di Godega Sant’Urbano coltiva prodotti ortofrutticoli e realizza ottimi succhi di mela e kiwi, ha deciso di devolvere in beneficenza il rimborso ricevuto per la frutta sottratta illegalmente dai suoi terreni.
Due anni fa, infatti, dalle coltivazioni dell’azienda cominciarono ad avvenire furti da parte di sconosciuti. All’inizio era solo un sospetto, poi la certezza con avvistamenti anche da parte dei vicini. “A quel punto siamo stati costretti a dotarci di un sistema videosorveglianza per non trasformare i nostri campi in un pericoloso self service”, spiega il titolare Marco de Zotti, che è anche responsabile del movimento GiovanImpresa di Coldiretti Treviso. Da lì a poco le forze dell’ordine hanno individuato le persone che rubavano frutta e verdura. I proprietari della ditta non hanno voluto sporgere denuncia, ma hanno chiesto agli autori dei furti un piccolo risarcimento. La somma così ottenuta, però, ora hanno deciso di non tenerla per sé. “Abbiamo scelto di raddoppiare e di devolverla agli ospedali trevigiani e all’associazione Per mio Figlio onlus che ha organizzato una raccolta fondi per sostenere le iniziative della nostra Ulss 2 nell’emergenza Coronavirus”, spiega l’imprenditore.
Una piccola donazione speciale, carica di umanità e senso di responsabilità: “Devo dire che in questa emergenza la campagna trevigiana ha dimostrato un grande senso solidale anche con moltissime iniziative non rese pubbliche non dichiarati. Grazie a tutti gli agricoltori per ciò che hanno fatto e che continueranno a fare”, rimarca Giorgio Polegato, presidente di Coldiretti Treviso.