Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/333: CON UN ULTIMO GIRO MONSTRE, JOHN CATLIN CONQUISTA L'IRISH OPEN

Out al taglio l'eroe di casa Harrington e gli italiani


IRLANDA DEL NORD - Dopo le tappe di Spagna, l’European Tour torna a nord, per la disputa del “Irish Open”, sponsorizzato da Dubai Duty Free. Si gioca nell’Irlanda del Nord, sul tracciato del Galgorm Castle Golf Club, a Ballymena. Sono tanti i professionisti di spessore, tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il bomber americano è rientrato dagli Usa dopo 5 mesi

BENTORNATO "PROF": DAVID LOGAN È A TREVISO

"Sono molto contento ed emozionato"


TREVISO - E' sbarcato oggi pronto per la sua terza stagione in maglia TVB il "professor" David Logan, 37 anni, 185 cm, guardia, uomo di classe ed esperienza della nuova De' Longhi Treviso Basket 2020/21. Arrivato a Treviso nella primavera 2018, è stato protagonista in A2 della vittoria della Coppa Italia di categoria (con il titolo di MVP) e della promozione in A1 (MVP anche dei playoff), mentre lo scorso anno nella fetta di stagione in A1 si è confermato il "bomber" designato con 14.6 punti a gara in 28 minuti sul parquet. Forte di un palmarès invidiabile (1 scudetto con Sassari nel 2016, titoli nazionali in Polonia, vincitore della Coppa Italia, Coppa di Israele, Coppa di Grecia, Coppa di Germania, Coppa di Francia, Supercoppa Italiana e Tedesca), Logan si è presentato stamane dopo il viaggio tirato a lucido per la sua terza stagione trevigiana.
Il "professore" seguirà nei prossimi giorni il protocollo-Covid in vigore, per poi aggregarsi alla squadra appena possibile. Gli altri USA sono in arrivo, Dewayne Russell sarà a Treviso domani, Tyler Cheese giovedì, Jeffrey Carroll all'inizio della prossima settimana.
Ecco le prime frasi di David Logan all'arrivo a Treviso:
"Per quanto riguarda la nuova stagione è difficile parlarne ora con la situazione-Covid e tutte le incertezze legate, senza sapere veramente cosa accadrà non è facile fare previsioni. Aspettiamo semplicemente di vedere
come evolverà la situazione. Comunque sono molto contento di essere tornato ed emozionato per l'inizio della nuova stagione, purtroppo non abbiamo date certe e una programmazione definita, è davvero difficile dire qualcosa
non sapendo bene cosa succederà. Quello che è certo è che avremo una squadra nuova che mi piace molto, ma sappiamo bene come funziona quando c'e' una squadra con molti cambiamenti: ci sono nuovi ragazzi da inserire e ci sarà un nuovo sistema di gioco, di conseguenza l'unica strada sarà avere pazienza e lavorare sodo per costruire il gruppo, un team affiatato dove ognuno possa dare il proprio contributo per raggiungere gli obiettivi della prossima stagione.
Credo che nel campionato italiano siano arrivati quest'anno tanti nuovi giocatori in gamba - continua David Logan - che potranno essere delle sorprese, anche nella nostra squadra ci sono tanti nuovi ragazzi in gamba, perciò sono sicuro che in Italia sarà un altro anno divertente, in cui competere in una lega con squadre competitive e giocatori di qualità.
Per quanto riguarda l'eventualità di giocare senza tifosi, per noi sarà una questione di adattamento. Penso che già dopo qualche partita di preseason o allenamento con le palestre chiuse ci abitueremo a questa situazione se ci si dovesse presentare, anche se spero davvero che si possa giocare al più presto con i nostri tifosi a riempire il Palaverde con il loro calore. Sarà la mia ultima stagione da professionista? Mah...non è detto, non ne sono ancora sicuro!"