Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I due malviventi, pregiudicati, arrestati dalla Polizia

GLI PUNTANO LA PISTOLA IN FACCIA E GLI PORTANO VIA IL PORTAFOGLIO

Nigeriano rapinato all'alba in via Castellana


TREVISO - Hanno puntato una pistola in faccia ad un malcapitato e l'hanno rapinato del portafoglio e di alcuni altri oggetti che avavena con sé, per poi fuggire. Poco dopo, però, la Polizia ha arrestato in flagranza i due malviventi, residenti in provincia di Treviso e pregiudicati.
L'episodio è avvenuto intorno alle 5 di mattina lungo via Castellana: i due a bordo di una Fiat Punto di colore nero hanno affiancato un nigeriano: sotto la minaccia dell'arma si sono fatti consegnare il denaro e tutti gli altri oggetti. Dopodichè si sono dati alla fuga in direzione della città. La vittima è comunque riuscita ad annotare il numero di targa dell'auto e a fornire agli investigatori una descrizione completa ed esaustiva dei due giovani, tanto delle loro caratteristiche fisiche quanto del loro abbigliamento. Grazie anche a questi elementi, i poliziotti sono riusciti con una rapida ed efficace indagine ad identificare uno dei due rapinatori, sottoposto a perquisizione. Successivi approfondimenti hanno consentito di risalire all’identità del complice. Nell'abitazione di costui gli agenti delle Volanti e della Squadra Mobile hanno trovato l’arma utilizzata per la rapina, una replica in metallo priva del tappo rosso.
Per i due criminali, rispettivamente di 27 e 23 anni, sono scattate le manette per rapina aggravata e, al termine degli accertamenti di rito, sono stati messi agli arresti domiciliari in attesa del processo.