Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
SETTIMANA CON TANTI PROTAGONISTI ITALIANI, IN EUROPA E IN AMERICA

o Scottish Open, il Marathon LPGA Classic, il Challenge Tour, il Symetra Tour


Francesco Molinari, e altri sette azzurri sono a North Berwick, per il secondo torneo 2021 della Serie Rolex, l’Aberdeen Scottish Open.A far compagnia a Francesco ci sono Guido Migliozzi, Edoardo Molinari, Francesco Laporta, Renato Paratore, Nino Bertasio, Lorenzo Gagli e Andrea Pavan. Questi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/353: UOMINI & DONNE, SETTIMANA DI GRANDI TORNEI

Si sono giocati Wgc e PortoRico Open e Gainbridge Lpga


STATI UNITI - Questa settimana il PGA si sdoppia, mette in campo il World Golf Championships a Bradenton in Florida, e il Puerto Rico Open a Rio Grande in Porto Rico. Oltre a questi due, ad attrarre l’attenzione c’è il secondo evento stagionale del massimo circuito americano...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/352: FINALE A SORPRESA AL GENESIS, HOMA VINCE AL SUPPLEMENTARE

Il beniamino di casa supera all''ultimo giro Burns, sempre in testa


LOS ANGELES (USA) - Era alla 95esima edizione questo torneo del PGA Tour, a cui hanno partecipato ben otto tra i migliori dieci giocatori al mondo. Si è disputato al Riviera Country Club, nel Temescal Gateway Park, situato entro i confini della città di Los Angeles; un territorio...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla vigilia degli 80, un'intera vita dedita al lavoro

VOLTI DI TREVISO: GIORGIO GIACOMIN E LA SUA STORICA BOTTEGA

"Il Covid potrebbe convincermi a stare a casa"


TREVISO - Una vita intera trascorsa dietro al bancone della sua macelleria. Un’attività che può essere annoverata tra quelle storiche della città di Treviso e certamente una delle poche, se non l’unica, a vantare la presenza costante e fattiva del suo fondatore. Giorgio Giacomin, che mercoledì 4 novembre compirà ottant’anni, e che ha visto alternarsi ben tre generazioni di clienti, pur avendo ceduto l’attività ai figli Riccardo e Andrea, ogni giorno continua a recarsi in bottega per prendere posto alla cassa: “Mi piace tenermi attivo – dice con il sorriso nascosto dalla mascherina -. Sono felice di lavorare con i miei figli, osservarli, consigliarli e soprattutto incontrare i clienti. Questa è la mia vita”.
 
Giorgio Giacomin, classe 1940, per dirla con le parole di Fabrizio De Andrè è figlio di un temporale; pur non ricordando nulla della seconda guerra mondiale, ha vissuto i tempi della rinascita: “La mia prima elementare ha coinciso con la riapertura ufficiale delle scuole – continua -. In casa nostra, a Casier, non è mai mancato il cibo; non era così per molti dei miei amici. Papà faceva il commerciante di bestiame e terminate le medie non ho avuto dubbi su ciò che volevo fare. Sono andato a imparare il mestiere di macellaio a Preganziol, dai fratelli Zanetti, e dopo il militare ho fatto il grande passo aprendo una attività tutta mia”.
Insieme al fratello Albino, Giorgio inaugura così, il 1° gennaio 1964, la sua macelleria in viale Luzzati a Treviso, appena fuori le mura, a pochi civici di distanza da dove sorge oggi la bottega che espone al suo interno la prima insegna: “Avevo ventitré anni – rammenta -, traboccavo d’entusiasmo”.
Dal 1967 in macellerai Giorgio è stato affiancato da Franca, la moglie, scomparsa improvvisamente nel 2007.
“Sono contento dei risultati raggiunti nel corso degli anni – spiega Giacomin -. Ho sempre puntato a soddisfare i miei clienti, avendo a fuoco quella che di questi tempi si chiama qualità di filiera e ‘prodotto a chilometro zero’.
Per me allora, come per i miei figli oggigiorno, risulta fondamentale il processo di selezione delle migliori carni e dei fornitori. Ho affrontato e superato anche momenti difficili certo, ma niente a che vedere con la pandemia da Covid, che rischia di costringermi, per la prima volta, ad abbandonare il lavoro e a restare chiuso in casa”.
Un’eventualità tutt’altro che remota considerata l’età di Giorgio Giacomin, e a dispetto della sua inesauribile energia: “Il virus purtroppo circola – afferma il figlio Riccardo – e potrebbe nei prossimi giorni essere prudente, oltre che consigliabile per papà, lasciare vuota la sua postazione alla cassa”.
“Non sarebbe la stessa cosa – aggiunge una cliente – entrare in macelleria e non trovare il signor Giorgio. È una presenza rassicurante, oltre che un uomo gentile e garbato”.
“Mercoledì mio padre spegnerà ottanta candeline – spiega Andrea Giacomin –. Avevamo in programma una grande festa con parenti e amici. Causa il Covid 19 abbiamo dovuto annullare tutto. Pazienza, celebreremo più in là”.
Festeggiamenti solo rinviati per il quasi ottuagenario Giorgio che accetta la situazione con filosofia e che, per stile, non indugia nell’amarezza, tantomeno nel rimpianto: “Rifarei tutto – dice in tono assertivo -. Nella mia vita non cambierei proprio nulla. Dovendo esprimere un desiderio, vorrei tanto buttare la mascherina e riprendere ad andare al bar a leggere il giornale senza dovermi preoccupare del gel per le mani. Sono comunque ottimista. Arriveranno certamente tempi migliori”.
Adriana Rasera