Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/346 - CAMPI/30: IL GOLF CLUB ACAYA

Nel cuore del Salento un percorso ricco di fascino e sorprese


VERNOLE (LE) - Siamo nel Salento, nel Leccese, una bella, generosa terra. Una lunghissima teoria di ulivi fa guida per arrivare all’elegante resort “Double Tree by Hilton Acaya”, inserito nel verde della macchia mediterranea, 100 ettari di pregiata vegetazione spontanea....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Natale Incantato 2020: video e inno della città

TREVISO, ACCENSIONE DIFFUSA DEGLI ALBERI MONUMENTALI

Quest'anno la tradizionale cerimonia sarà un flash-mob


TREVISO - I cinque alberi monumentali posizionati nei luoghi simbolo della Città e la Loggia Incantata (trasformata in uno splendido giardino all’italiana) sono pronti ad accendersi a sorpresa sulle note del nuovo inno della Città per dare ufficialmente il via al Natale incantato 2020.
Nei prossimi giorni (se le condizioni meteo lo permetteranno) si illumineranno a festa, in un’inedita modalità flash-mob, oltre al tradizionale abete monumentale di Piazza dei Signori, donato alla città dal Comune di Cortina d’Ampezzo e vestito a festa da COIN con il prezioso supporto di EDG, Hausbrandt, Kiloutou e Volksbank gli abeti simbolo dell’amicizia con i Comuni di Cortina, Falcade e Rocca Pietore allestiti a Piazza Borsa, Piazza Santa Maria dei Battuti, Isola della Pescheria e Buranelli.
Nell’occasione verrà realizzato un video augurale che sarà diffuso su social network (Facebook e Instagram) e led-wall martedì 8 dicembre (sempre tempo permettendo) alle 17, giorno e ora della tradizionale cerimonia di Piazza dei Signori.
Contestualmente all’accensione, sui led installati in Città saranno proiettati il video e l’inno creati dai vincitori del bando “Treviso for Culture”.
I video delle esibizioni e delle accensioni daranno poi vita al tradizionale video di auguri della Città di Treviso.
L’accensione sarà accompagnata dall’inno alla Città, scritto dal maestro Marco Fedalto. L’autore è partito da alcune termini chiave come “Sile”, “Bellezza”, “Arte”, “Virtù” e “7 aprile”.
«Queste parole hanno significati profondi per il nostro popolo perché evocano paesaggi e avvenimenti che abbattono ogni futile divisione», spiega il maestro Fedalto. «La capacità unica che ha la musica è proprio quella di sussurrare a tutti, di arrivare laddove il semplice ragionamento è costretto a fermarsi.
Nel manoscritto musicale ho lavorato alacremente a diverse melodie cantabili ma allo stesso tempo solenni in modo da enfatizzare un testo efficace che potesse essere cantato da tutti. Da questa idea di partenza ho sviluppato una versione per Coro e Orchestra dal carattere magniloquente, per passare immediatamente da una versione per Coro a cappella. L'idea per cui anche i cori della Marca potessero cimentarsi con l'Inno della Città di Treviso mi ha affascinato molto».
È stata creata inoltre una versione per pop-band con lo scopo di permettere anche ai gruppi del territorio di interpretarlo.
La produzione dell’inno ufficiale della Città di Treviso ha coinvolto circa 90 musicisti che si sono avvicendati nelle sessioni di incisione che ha visto protagoniste una Band con i migliori talenti "della piazza" e l’Orchestra Giovani Musicisti Veneti diretta dal maestro Francesco Pavan che ha inciso l'Inno al Teatro Mario del Monaco assieme al Coro Ars Canendi.
Sui led-wall installati in Città verrà diffuso anche il video promozionale della Città realizzato da Stefano Gasparini secondo lo schema dello storytelling.
La clip racconta un viaggio in miniatura attraverso i luoghi più caratteristici e belli di Treviso, soffermandosi su piccoli attimi di vita quotidiana delle persone che la abitano.
«L’idea e il filo narrativo di questo video è quella di collegare i vari ambiti - Arte, Cultura, Sport, Natura, Commercio, Socialità - e le varie categorie di persone - Famiglie, Bambini, Giovani e Studenti, Anziani, Imprenditori - tramite lo stesso mezzo narrativo che assume forme diverse e balla fine unisce tutti», afferma Stefano Gasparini. «In questo caso il filo conduttore è un foglio di carta che sta diventando il disegno di un artista ma che, a causa di una folata di vento, prende il volo viaggiando per la Città. Viene trasformato via via dai suoi abitanti prima in aeroplanino poi in barchetta, così da poter continuare il suo viaggio più a lungo nel cielo e nel Sile e mostrarci vari scorci, varie situazioni e le bellezze della città»
Tutte le meraviglie del Natale Incantato a Treviso potranno essere immortalate e condivise sui social per il contest fotografico “Porta con te la Treviso Incantata” (dal 5 dicembre al 2 gennaio) con l’hashtag #3visoincanta e #trevisofotostampa. Una giuria composta da un fotografo professionista selezionerà, tra le 10 foto che avranno riportato più “like”, i tre vincitori.
«È molto importante trasmettere calore e lo spirito del Natale, soprattutto in un periodo come quello che stiamo vivendo. Nel rispetto delle misure anti-Covid si è voluto portare avanti un progetto di diffusione di arte e bellezza. Anche le parole dell’ìnno che risuonerà dagli schermi installati in città – così ricco dì pathos e “trevigianità” – saprà abbracciare».