Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
SETTIMANA CON TANTI PROTAGONISTI ITALIANI, IN EUROPA E IN AMERICA

o Scottish Open, il Marathon LPGA Classic, il Challenge Tour, il Symetra Tour


Francesco Molinari, e altri sette azzurri sono a North Berwick, per il secondo torneo 2021 della Serie Rolex, l’Aberdeen Scottish Open.A far compagnia a Francesco ci sono Guido Migliozzi, Edoardo Molinari, Francesco Laporta, Renato Paratore, Nino Bertasio, Lorenzo Gagli e Andrea Pavan. Questi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/353: UOMINI & DONNE, SETTIMANA DI GRANDI TORNEI

Si sono giocati Wgc e PortoRico Open e Gainbridge Lpga


STATI UNITI - Questa settimana il PGA si sdoppia, mette in campo il World Golf Championships a Bradenton in Florida, e il Puerto Rico Open a Rio Grande in Porto Rico. Oltre a questi due, ad attrarre l’attenzione c’è il secondo evento stagionale del massimo circuito americano...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/352: FINALE A SORPRESA AL GENESIS, HOMA VINCE AL SUPPLEMENTARE

Il beniamino di casa supera all''ultimo giro Burns, sempre in testa


LOS ANGELES (USA) - Era alla 95esima edizione questo torneo del PGA Tour, a cui hanno partecipato ben otto tra i migliori dieci giocatori al mondo. Si è disputato al Riviera Country Club, nel Temescal Gateway Park, situato entro i confini della città di Los Angeles; un territorio...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Stanziati 550mila euro: "Contribuiamo tutti"

LA DIOCESI DI TREVISO A SOSTEGNO DI FAMIGLIE E IMPRESE COLPITE DALLA PANDEMIA

Contributi a fondo perduto e un piano di micro-credito


TREVISO - La Chiesa trevigiana in aiuto delle famiglie e delle piccole imprese locali schiacciate dalla crisi Covid. Durante la Messa del Crisma del Giovedì santo, in Cattedrale, il vescovo Michele Tomasi ha lanciato un progetto di sostegno solidale, che vedrà impegnata l’intera Diocesi. “Sta a noi. Per un patto di comunità” – questo il nome dell’iniziativa – si articolerà in concreto in due linee d’azione: da un lato un fondo di comunità per contributi a fondo perduto ai nuclei familiari, dall’altro un programma di micro-credito a favore delle attività produttive.
La Diocesi stessa ha stanziato 550mila euro, derivanti in gran parte dall’8 per mille, per costituire la dotazione iniziale destinata alle famiglie. L’invito è che tutti, privati, aziende, associazioni, enti, contribuiscano, nei limiti delle proprie possibilità, per incrementare le risorse a disposizione. Al progetto è stata destianata anche la tradizionale colletta tra i sacerdoti effettuata il Giovedì santo.
Le famiglie potranno ricevere contributi a fondo perduto fino a 3mila euro, con cui acquistare generi alimentari o far fronte alle spese per affitto e bollette, per le cure mediche, per i trasporti, per strumenti informatici necessari per il lavoro o la scuola. Le imprese potranno accedere a micro-finanziamenti, erogati in collaborazione con Banca Etica e la società specializzata PerMicro, fino a 25mila euro, a tassi irrisori, da restituire in 72 rate. Soldi che potranno essere usati per comprare merci, attrezzature, arredi o per esigenze di liquidità. A intercettare e segnalare le situazioni familiari di disagio saranno delle “sentinelle” nel territorio, mentre le ditte avranno a disposizione un numero telefonico dedicato e apposite pagine nei siti internet della Diocesi e della Caritas. Operatori fiduciari debitamente formati seguiranno poi i partecipanti nel successivo percorso. Più 220 i volontari coinvolti, oltre alle strutture della Caritas e di altri organismi diocesani e anche esperti esterni. Verranno attivati anche degli sportelli, cinque per le famiglie e uno per le imprese.
Un’azione per il bene comune, di aiuto reciproco, superando contrapposizioni sociali e logiche di parte, l’ha definita monsignor Tomasi: “Abbiamo scoperto in questo tempo di pandemia che è necessario prenderci cura gli uni degli altri. È il Risorto presente tra noi che ce ne fa capaci. È Lui che ce lo chiede. È Lui che ci apre la strada. Con Lui possiamo incontrarci e collaborare per costruire reti di solidarietà e di dono reciproco, di vicinanza, di responsabilità, di amore”, ha spiegato il presule durante l’omelia.

Galleria fotograficaGalleria fotografica