Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Da 18 anni in Italia, il suo sdegno

DA STILISTA A SENZATETTO

La vicenda di un occupante algerino 46enne


TREVISO - (nc) In patria faceva lo stilista ma dal suo paese, l'Algeria, era partito ben 18 anni fa in cerca di fortuna in Italia. Qui il lavoro da metalmeccanico per alcune aziende trevigiane, un grave infortunio sul lavoro e un'invalidità del 46%. Ha perso il lavoro e la casa, da due anni è in mobilità fino a giungere all'ex sede della Croce Rossa di Treviso in cui abita ormai da mesi. Questa la vicenda umana del 43enne algerino Cheribet Abdelkrin, sposato e con due figli, anche lui come tutti gli altri suoi connazionali è stato costretto ad abbandonare lo stabile ed ora dormirà nel sagrato della chiesa Votiva, nella speranza di trovare una sistemazione. La sua rabbia è quella di altri compagni di sventura di questa vicenda: sono perlopiù incensurati, regolari e ora hanno perso anche il bene più prezioso, la casa. Questa la sua testimonianza.



Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
12/06/2010 - Croce rossa, allarme sfollati
11/06/2010 - "E' un gioco al massacro"
11/06/2010 - Sgombero all'ex Croce Rossa