Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Da 18 anni in Italia, il suo sdegno

DA STILISTA A SENZATETTO

La vicenda di un occupante algerino 46enne


TREVISO - (nc) In patria faceva lo stilista ma dal suo paese, l'Algeria, era partito ben 18 anni fa in cerca di fortuna in Italia. Qui il lavoro da metalmeccanico per alcune aziende trevigiane, un grave infortunio sul lavoro e un'invalidità del 46%. Ha perso il lavoro e la casa, da due anni è in mobilità fino a giungere all'ex sede della Croce Rossa di Treviso in cui abita ormai da mesi. Questa la vicenda umana del 43enne algerino Cheribet Abdelkrin, sposato e con due figli, anche lui come tutti gli altri suoi connazionali è stato costretto ad abbandonare lo stabile ed ora dormirà nel sagrato della chiesa Votiva, nella speranza di trovare una sistemazione. La sua rabbia è quella di altri compagni di sventura di questa vicenda: sono perlopiù incensurati, regolari e ora hanno perso anche il bene più prezioso, la casa. Questa la sua testimonianza.



Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
12/06/2010 - Croce rossa, allarme sfollati
11/06/2010 - "E' un gioco al massacro"
11/06/2010 - Sgombero all'ex Croce Rossa