Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tra ottobre e dicembre il punto su paesaggio, storia del gioco e beni culturali

FONDAZIONE BENETTON COMPIE TRENT'ANNI, TRE MESI DI INIZIATIVE

Dopo l'inaugurazione di San Teonisto il 21 ottobre un dialogo sul paesaggio


TREVISO - Fondazione Benetton Studi Ricerche compie trent’anni. I festeggiamenti si sono aperti con un importante regalo che il presidente Luciano Benetton ha voluto fare a Fondazione e alla città di Treviso, l'apertura della ristrutturata chiesa di San Teonisto. San Teonisto che potrà essere museo o auditorium.

Trent'anni che non sono solo un traguardo da celebrare ma fissano un momento in cui fermarsi per rilanciare la scommessa iniziale e fare il punto della situazione del lavoro svolto.

"In occasione del trentennale, - spiega il direttore Marco Tamaro - abbiamo deciso di dedicare alcuni speciali appuntamenti ai nostri tre ambiti di attivitàil paesaggio, la storia del gioco, i beni culturali –, proposte, in programma a ottobre, novembre e dicembre, che sono fedeli al nostro consueto modo di affrontare i temi trattati e che ci consentono di fare il punto su quanto fatto e sulle prospettive future."

Il via con un "dialogo sul paesaggio", sabato 21 ottobre dalle ore 10 alle 18, nell’auditorium di palazzo Bomben, che si rifà nel titolo e nell’assunto a quel “Tavolo per otto – a table for eight” evocato nel lontano 1966 ad Amsterdam in occasione di un convegnodell’International Federation of Landscape Architects (IFLA). Un evento, quest’ultimo, che resta nella storia per il peso che ebbe, tra i tanti aspetti, nella definizione della figura, allora agli esordi, del landscape architect. A quell’originale incontro parteciparono figure decisive nel campo dell’architettura del paesaggio come Lewis Mumford, Geoffrey Jellicoe, Lawrence Halprin e Francisco Cabral.

Il “tavolo per otto” trevigiano intende trarre spunto dal contributo più originale di
quell’appuntamento ormai storico. Ovvero lo scritto di Jellicoe (tradotto nel 1998 in italiano in Scandinavia, un libro della collana “Memorie” della Fondazione Benetton) che per l’appunto si intitola A table for eight. Il “tavolo” descritto da Jellicoe fu pensato immaginando di dar voce a otto figure diverse, otto “mestieri” che, dialogando, cercano di capire il ruolo culturale e sociale che in quel tempo si attribuiva alla figura del landscape architect.

Il mese di novembre sarà dedicato alla storia del gioco. Da venerdì 17 novembre a domenica 14 gennaio 2018 sarà aperta, negli spazi Bomben, la mostra Lotterie, lotto, slot machines. L’azzardo del sorteggio: storia dei giochi di fortuna. Organizzata dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche e curata da Gherardo Ortalli, storico, docente emerito dell’Università di Ca’ Foscari, responsabile scientifico del settore di studi e ricerche che la Fondazione dedica alla storia del gioco, con la collaborazione internazionale di altri studiosi, l’esposizione analizza in modo chiaro e coinvolgente un fenomeno che incide nella vita delle persone e delle società.


Nello stesso fine settimana d'apertura della mostra ci sarà l'occasione di parlare di storia di gioco nel corso di un convegno internazionale di studio dal titolo “Giocare tra medioevo ed età moderna. Modelli etici ed estetici per l’Europa” organizzato da Fondazione Benetton Studi Ricerche, con il Centre de Recherches Historiques (CRH, EHESS) di Parigi e la School of Languages, Cultures and Linguistics dello University College Dublin (SLCL, UCD).

In dicembre Fondazione Benetton Studi Ricerche dedica uno speciale appuntamento all’ambito dei beni culturali organizzando un momento di confronto fra fondazioni di livello nazionale per mettere in evidenza l’attualità del loro lavoro e la centralità dell’attività di promozione culturale.
Il convegno, in programma mercoledì 6 dicembre, si terrà a Roma in una prestigiosa sede istituzionale.